COMUNICATO SPORTING,
SECONDA PARTE