CESSIONE PALERMO

Repubblica: ecco l'azienda
pronta a rilevare il Palermo

Repubblica: ecco l'azienda pronta a rilevare il Palermo

L’azienda italiana (clicca qui per le dichiarazioni del presidente rosanero) in trattativa con Foschi e De Angeli per l’acquisizione del Palermo ha un nome: Arkus Network.

 

Secondo quanto riportato da larepubblica.it, la società, con presidente Walter Tuttolomondo, opera nel settore del turismo, fattura all’anno 100 milioni e ha sede a Roma.

 

La trattativa tra il Palermo e l’Arkaus Network, che vede come advisor il banchiere palermitano Macaione, va avanti da tempo, ma nel riserbo assoluto. Proprio Macaione, insieme ai rappresentanti dell’azienda, ha avuto di recente un incontro con Foschi e De Angeli per mettere a punto le ultime fasi della trattativa che - si legge su la repubblica - sembra essere ben avviata.






3 commenti

  1. Rubini 239 giorni fa

    Roma, via Ignazio Guidi? Ho un amico che abita in via Ripetta e si lamenta perché secondo lui è periferia. Quando lo invito, in Prati, mi dice che non può venire, perché non ha rinnovato il passaporto. Roma, via Ignazio Guidi. Più o meno, stiamo dalle parti di 'Mamma Roma', Pasolini, il grande poeta delle borgate, degli anni sessanta. Quanto al fatturato, 100 milioni? Capirai, Zamparini li fatturava solo con il Palermo. Comunque meglio di niente, staremo a vedere. Mah cose cose

  2. Salvo 239 giorni fa

    Mi auguro che, come è accaduto altre volte, anche per altre testate giornalistiche, questa notizia possa rivelarsi infondata. Una società che fattura 100 mln all'anno, che futuro potrebbe garantire ad un'altra, sulla quale gravano già oltre 40 mln di debiti?? Mha...

  3. Anarchico 239 giorni fa

    Ma un Azienda che fattura 100 milioni l'anno posto che abbia un utili per 80 milioni, come dovrebbe essere in grado di rilevare una società che ha 50 milioni di debiti?

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *