IN SALA STAMPA

Pergolizzi: Il San Tommaso? Sarà
motivato. Martin non al 100%

Pergolizzi: «Il San Tommaso? Sarà motivato. Martin non al 100%»



 

Pochi giorni e il Palermo scenderà in campo per sfidare il San Tommaso sabato alle 14:30 allo stadio “Modestino De Cicco” di Pratola Serra.


PERGOLIZZI: «I FISCHI? MEGLIO A ME CHE ALLA SQUADRA»


Protagonista della consueta conferenza stampa pre-gara, il tecnico del Palermo Rosario Pergolizzi ha così parlato della sfida:

 

«San Tommaso? Loro stanno lottando per non retrocedere. Me lo aspetto motivato come le altre squadre. Dobbiamo fare meglio della scorsa settimana, cercare di essere sereni e di mettere le motivazioni giuste».

 

RESPONSABILITÀ

«Se facciamo male lo facciamo tutti. È una grande responsabilità da parte di tutti. Sono l’artefice e sono quello che è più esposto. Se questo serve per dare serenità all’ambiente ben venga. Io so che i risultati sono fondamentali. Vincere non è mai facile. Sappiamo che ogni domenica dobbiamo giocare per vincere».

 

FLORIANO

«È normale, è un'esperienza in più ha caratteristiche diverse dagli altri. Può servire sia ai più giovani che ai più grandi. Vede Bari e Palermo alla stessa maniera, nonostante il cambio di categoria. Mi aspetto tanto da lui. Con l’esperienza che ha si prenderà questa responsabilità. Nel girone di ritorno serviranno tutti. È importante portare tutti allo stesso livello, soprattutto dal punto di vista fisico. Dobbiamo essere pronti. Mauri ha fatto bene, idem Langella. Serve a loro per mettersi alla pari con gli altri, sia per motivazione per i titolari».

 

INFERMERIA

«Martin si è fermato di nuovo ieri. Non sta al 100%. L’alternativa c’è ed è Mauri. Sforzini? Ha fatto quei cinque sei minuti contro il Troina, ma deve ritrovare il minutaggio. È convocato e lo aspettiamo, perché l’infortunio ha cambiato qualcosa in lui. deve convincersi che l’infortunio al perone è passato. Felici sta bene. L’indomani della partita si è allenato poco, ma sta bene».

 

SAVOIA

«Cerco di tenere i ragazzi fuori di tutto. Nel calcio ci sono anche le strategie, non solo le letture delle partite. Noi dobbiamo pensare al campo, non a quello che succede fuori. Ci dobbiamo fare trovare pronti. È più facile allenare che gestire le cose fuori dal campo».

 

 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *