INTERVISTA

Parola di Sforzini: «Inserimento
facile qui, ora sono al 100%»

Parola di Sforzini: «Inserimento facile qui, ora sono al 100%»



 

Ad entrare nel cuore dei tifosi del Palermo ci ha messo poco con il gol dopo l'esordio al "Barbera" e quella commozione per il figlio che ha intenerito tutti. Ferdinando Sforzini adesso è pronto per dare il suo contributo al 100% per la promozione dei rosanero. 

 

L'attaccante ha dimostrato di essere disponibile e di lavorare molto anche insieme a Giovanni Ricciardo. Una buona notizia per Rosario Pergolizzi che si ritrova un ragazzo d'esperienza, forte, ma con la giusta umiltà. Sforzini ha parlato a Radio Time, nel corso della trasmissione Time Sport, della sua condizione, dell'inserimento con la squadra e di come si fa a vincere la Serie D, dato che l'anno scorso è stato protagonista con la promozione dell'Avellino.

 

«A parte l'episodio con il gol in casa fatto dopo pochi minuti è stato facile l'inserimento. E' andata bene. un episodio andato a favore, ma adesso ci godiamo questo filotto di vittorie pensando già alle altre al di là dei meriti personali - ha detto Sforzini - La mia condizione? Credo di essere già ora al 100%, forse ho sofferto un po' la prima settimana, ma adesso ritengo di avere una buona forma. Io e Ricciardo? L'ho sempre detto che quando si ha disponibilità si può giocare con quattro attaccanti, poi la scelta la fa il mister su motivi tecnici che non mi competono».

 

VINCERE LA D

«Il campionato si imposta per come l'abbiamo fatto noi, vincere. Anche a livello caratteriale il Palermo deve lottare in ogni campo soprattutto per vincere. I campi? Per noi è meglio giocare al "Barbera", ma siamo consapevoli di stare in Serie D e dobbiamo adattarci a diverse situazioni. Calo mentale dei giovani? Più che pensarci noi più esperti ci pensa già l'allenatore, qui il mister è molto bravo a tenere alta la concentrazione dei ragazzi».

 

Dopo la partita contro il Nola, Sforzini approfitterà di andare a Roma per stare un po' di ore con il proprio figlio: «Con la trasferta in Campania ne approfitto per fermarmi domenica anche perché da quando sono sceso a Palermo non sono mai risalito e devo prendere delle cose, poi passerò del tempo con mio figlio».


 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *