ESCLUSIVA

York Capital e il Palermo
Parla Vulpis

York Capital e il Palermo. Parla Vulpis



York Capital è sempre più vicina all'accordo per l'acquisizione del Palermo Calcio.

Per analizzare la situazione sul fronte societario, fare chiarezza sul fondo interessato alla società di Viale del Fante abbiamo raggiunto telefonicamente il direttore di Sporteconomy Marcel Vulpis.

Ringraziandolo per la sua disponibilità, competenza e collaborazione riportiamo quanto emerso.

 

Iniziamo dalla York Capital.

È difficile dare un giudizio.

I fondi nascono, si sviluppano ed eventualmente muoiono proporzionalmente agli investimenti che vengono posti in essere all’interno di essi.

Ovviamente, se all’interno della società York ci sono le cifre per avviare l’operazione, in una prima fase la York Capital potrebbe avere la liquidità adeguata.

Ma siccome si parla di un ripianamento dei debiti per circa 47 milioni di euro, sarebbe opportuno capire in quanto tempo tale ripianamento sarà effettuato e se la York Capital ha la liquidità e la forza economica per

sostenere un impegno finanziario non indifferente.

 

E ancora.

Sarebbe interessante che in tempi breve ci fosse una conferenza stampa. Non si capisce perché in queste situazioni non viene mai celebrata in nome della privacy. Ma nel momento in cui il nome York Capital è uscito alla

ribalta, i soci dovrebbero dare contezza e dire quanto hanno intenzione di investire nel progetto Palermo. Non basta avere la forza economica ma serve la volontà di investire certe cifre su un progetto.

 

Alcune perplessità.

Sinceramente non ho compreso quale sarebbe il punto di pareggio e l’arco temporale in cui ciò dovrebbe avvenire.

La York Capital dovrebbe chiarire due punti: quanto sarebbe disposta a investire e per quanto tempo. Ma soprattutto il segmento di tempo entro il quale intenderebbe recuperare la cifra che investirà per rilevare il club (47

milioni di debiti più i 4 milioni di euro per la gestione fino a fine stagione).

Mi sembra strano come degli imprenditori oculati che abbiano delle liquidità così importanti decidano di porre in essere un investimento il cui punto di pareggio, attualmente, non sembra essere all’orizzonte.

Lo sviluppo temporale di un investimento è rilevante: un conto è recuperare il gap dopo un anno, un altro discorso sarebbe recuperarlo dopo cinque anni.

 

Sulla situazione economica del Palermo.

Nel mondo reale - non quello del calcio - una società che abbia un indebitamento di tale portata non credo sarebbe ancora operante. Però le società calcistiche sono atipiche e viene dato loro una maggiore flessibilità.

Se la York Capital ha l’intenzione di fare un’operazione del genere - caricandosi un debito di tale portata - vuol dire che sono dei benefattori (sorride ndr).

Per questo sostengo l’importanza di una conferenza stampa chiarificatrice in cui si possano fugare i tanti dubbi.

Preciso: non sostengo che l’investimento di cui si parla non può verificarsi, ma certamente rimarrei stupito perché 47 milioni di passivo è qualcosa di esorbitante.

 

Sul progetto York Capital.

Non devono essere i giornalisti a dare fiducia al progetto, ma coloro che lo detengono dovrebbero far capire il valore del loro patrimonio e quanto avrebbero intenzione di investire.

È un’operazione più complicata di quello che raccontano altri colleghi.

Nel calcio italiano in dieci anni ci sono stati 143 fallimenti: ciò è sintomatico di come il sistema non crei profitti, quanto meno per tutti.

Più si scende di categoria e più i ricavi diminuiscono, quindi non è così semplice come sembra.

I quesiti sono tanti, le risposte altrettanto e mi auguro che York Capital ci aiuti a dipanare la matassa e a fare maggiore luce su un progetto certamente sfidante ma con un handicap forte.

 

In conclusione, questo silenzio in nome della privacy certamente non aiuta.

In teoria, in un paese normale - quando due società giungono a siglare un accordo preliminare di cessione - si dovrebbe comunicare qualcosa rendendo noto il progetto.

Ma l’Italia non è un paese normale.

 






27 commenti

  1. carmelo 208 giorni fa

    Sono felicissimo che la societa' rimane a palermo ,tutti questi mecenati hanno destabilizzato l'entusiasmo dei tifosi e i giocatori ,da molto tempo su tgs ho detto che stellone doveva andare via ,poiche' lui da professionista doveva fare da cerniera hai giocatori ,un consiglio se mi e' permesso perche' non si creano delle azioni da mettere in mercato ed essere alla portata di tutti i tifosi per acquistare sulla base dei propriedisponibilita' ,questo e' un patrimonio che appartiene ha tutti i palermitani ,poi volevo aggiungere che il mio sogno e' di vedere in squadra almento 1/3 di giocatori s

  2. Marcy 212 giorni fa

    Il vulpis capisce poco... Si dimentica di altre società tipo Milan con oltre 250/300 milioni di debiti e ancora in serie a.... Ed il palermo che in serie a o quasi... Quanto dovrebbe costare? Meno di 50 milioni di euro? I giocatori nn valgono nulla?

  3. Marcyxxx 212 giorni fa

    Penso che il vulpis.... Nn capisce granché... Parla tanto per far uscire fiato dalla bocca... Booh... Perché con 47 milioni compri una società di serie a?? Compri la fiorentina o il Milan? Consideriamo pure che il Milan, che ha oltre 250 milioni di debiti... E ancora lì... Con dei falsi cinesi e americani.. Che sono usciti dopo... In quanto si chiama Milan, sennò già era in serie d!!!

  4. Luciano Conti 216 giorni fa

    Ma una società non si valuta solo per la situazione debitoria. La York capital acquisirebbe al costo dei famosi 10 euro l'intero parco giocatori che non saranno fenomeni ma un loro valore di mercato ce l'avranno. Diritti TV, sponsor tecnici e non, diritti di immagine e in ultimo, cosa da non sottovalutare, lo stemma e il nome della società che valgono più di tutto il parco giocatori. Quindi cosa ci racconta? Da come parla sembra che questi vengano solo a pagare i debiti.

  5. vecchia guardia 217 giorni fa

    Ha parlato un perfetto sacerdote della religione del business e del profitto. Ormai per parlare di calcio si deve ricorrere agli analisti finanziari, ed e' tutto dire! Eccepisce che siano fallite oltre 143 societa' calcistiche ed indica la causa nella mancanza di ricavi, non nell'eccessiva finanziarizzazione del calcio! La verita' e' che se vogliano riprenderci il calcio come sport e passione popolare dobbiamo essere noi tifosi ad organizzarci per una radicale rivoluzione e scacciare via questa gente che con il calcio non ha nulla a che fare e che vivono da parassiti sulla nostra passione!

  6. Rubini 217 giorni fa

    ‘In un Paese normale’ ‘L’Italia non è un paese normale’. E rossi e neri sono tutti uguali. Ma chi è che parla? Eh, chi è che parla?

  7. Fatti e misfatti 217 giorni fa

    E meno male che l'ossessionato era Gigetto, tu sei peggio a sezionare, verificare, confrontare, archiviare tutti i post, per poi accumanare utenti e pensieri facendo una immane confusione. L'arteriosclerosi e le paranoie avanzano. Consoliamoci con il nostro amato Palermo e con la serie a che presto raggiungeremo.

  8. leri 217 giorni fa

    Ma questo esperto di cosa sta parlano ? Quale film ha visto ? Ma cosa si è fumato prima di dare fiato alla bocca ?

  9. Rubini 218 giorni fa

    Senti chi parla di FALLIMENTO, chi lo AUSPICAVA come unica soluzione, CHI voleva la SERIE D!! FACCIOLI che denigravano gli spettatori del BARBERA, chiamandoli INDEGNI. NEMICI, che alla partita del PALERMO preferivano la visione del film 'La vendetta di Halloween' ( definendolo 'delizioso' -e scritto con una sola 'e'- ahahahahah) . NO ai FACCIOLI !! NO per SEMPRE ai NEMICI del PALERMO. Il TIFOSO NON DIMENTICA !! ONORE a Isatacuracaticachi !

  10. noitifosidelpalermo.jimdo 218 giorni fa

    Con la serie A il Palermo avrebbe un fatturato tra i 50/70 milioni, ovvio che è un affare, se poi arrivano i risultati il fatturato andrebbe ad aumentare negli anni a seguire.

  11. Rubini 218 giorni fa

    Che vi devo dire, più li leggo e più li trovo uguali. Precisi. Sarà per via della stessa linea di pensiero, la stessa sensibilità. Identica la cura nella scelta quasi maniacale dei termini più ricercati, più raffinati. Identica l'ostilità verso ciò che sia popolare, nel senso di volgare (odi profanum vulgus). Penso sia sufficiente ricordare il loro comune disprezzo verso il vino da tavola Tavernello, verso i residenti in via D'Ossuna. Sono TRE, ma è come se fossero UNA sola persona. Inutile ripetere i nick, bastano le iniziali: A B C, come l'inizio dell'alfabeto, forse non a caso.

  12. Isatacuracaticachi 218 giorni fa

    CiuridduScaiNius24® la mia su facile era una speranza, e sinceramente mi sembrava serio (visto quello che si leggiucchiava in rete) sono i competenti come te che avevano la certezza fosse una c*****a, quindi non posso che dirti bravo hai vinto un mappamondo...

  13. Totuccione 218 giorni fa

    riscussi i ru liri.....

  14. CiuridduScaiNius24® 218 giorni fa

    Per quanto Notre Dame fosse con svariati interventi fatti nell'arco di 800 anni, non totalmente antica, due cose devono rattristare, cioè che non la vedremo mai più come prima, e che tantissimi delle persone sopra i 50, forse non arriveranno a entrarci più dentro. Si prevedono decenni prima che possa essere riaperta al pubblico. Detto questo attendo anche io che ci sia questo benedetto passaggio alla york capital, siamo veramente esausti di tutto questo grande imbroglio che sta esaurendo la tifoseria.

  15. CiuridduScaiNius24® 218 giorni fa

    @Isatacuracaticachi Hai ancora la faccia tosta di scrivere e criticare la redazione. Tu che dicevi che Facile era un grande dirigente che ci avrebbe portato al successo, e u vittimu! Un traffichino che voleva pure la buona uscita. Se fosse per tre il palermo sarebbe già fallito data la tua incompetenza. GRAZIE alla redazione che informa ma se non vede nero su bianco mette all'erta tutti come è giusto che sia.

  16. Yes 218 giorni fa

    Dispiace che ci sia sempre qualcuno che mira altezza uomo contro il Palermo. Sampdoria ho sentito parlare di cifre superiori a 100.000.000 di euro ,(più debiti), e nessuno ha ironizzato sulla convenienza dell'operazione. Poi mi spiegate cosa cambia se 50 milioni li do ai creditori oppure al vecchio proprietario, pure lui creditore a ben vedere. Perché il Palermo 50 milioni li vale, o no? Un decimo del Milan, un terzo della Doria. Volpis?

  17. TOM 218 giorni fa

    NOTIZIE come il giornale dove si avvolge il pesce!!

  18. STADIO 218 giorni fa

    @Blackmamba. 'sotto l'ombra del cappello non ti fa capire mai, se tira fuori il suo coltello o ti chiede come stai. Grande pero' che grande figlio di puxxxxa eeehhh ASPETTERO' ANCORA UN'ALTRA SETTIMANA !!! ahahahahah

  19. Ezio Greggio 218 giorni fa

    Ma lo sa che lei è proprio un bel VULPino ?? ahahahahah

  20. Antonino Di Miceli 218 giorni fa

    Se andiamo in serie A comprano il Palermo a 0 euro. Era ovvio che qualcuno andasse in controtendenza... Forza Palermo sempre.

  21. Renato 218 giorni fa

    nulla in più sta offendendo persone che stanno portando avanti un progetto classificandoli come ignoranti o sprovveduti. Come al solito questi pseudo esperti vedi se si permettessero di parlare così di un Torino, Milan (indebitato fino all' inverosimile) avrebbero finito la carriera.

  22. Isatacuracaticachi 218 giorni fa

    MA CHE ARTICOLO E'...giuro che proprio non vi capisco, invece di creare entusiasmo cercate sempre mi mettere u pucci ntiesta ai cristiani...aaaahhh ma voi lo fate per dovere di cronaca...ma va.fa.c.ulu...vi chiamate FORZA PALERMO ma non sapete nemmeno cosa significa!!

  23. Blackmamba 218 giorni fa

    Di chiacchiere e mistificazioni ne abbiamo sentite tante. Si è detto che entro mercoledì si firmava, io aspetto tutta la settimana....se i tempi dovessero allungarsi inizierò a sospettare, ma voglio augurarmi che nonostante 50 milioni di debiti, il Palermo magari con la promozione possa essere ancora un investimento futuro. Poi se questo ''MIRACOLO'' dovesse avverarsi, dall'arrestato a scendere devono andare via TUTTI. Aria nuova e dirigenti nuovi per tornare a sognare.

  24. Anthony 218 giorni fa

    Concordo con giò. Evidentemente a livello mediatico dire qualcosa contro la tendenza degli ultimi giorni (è quasi fatta) significa far mettere tutto in discussione e riaprire dibattiti, avvitare complottismi e chi più ne ha più ne metta. Il tutto in nome del diritto all'informazione del deontologico dovere di raccontare, raccontare, raccontare opinioni di tutti, luminari e carneadi. Questo è il giornalismo di oggi.

  25. Yes 218 giorni fa

    Infatti. Leggo analisi piccole piccole limitate è di respiro affannoso. Per me il palermo è un affarone

  26. Fabio 218 giorni fa

    Nessuno di York Capital ha mai parlato, mi ricorda la storia di un tizio che annunciava di aver venduto ad americani quotati a new York per poi presentarsi con quattro cialtroni .

  27. Gio 218 giorni fa

    Ok....ma se nn ci fosse un indebitamento e comprerebbero la società 60 milioni.....cosa cambierebbe....? Io da profano dico nulla...sono sempre soldi che tiri fuori...inoltre fra un mese potrebbe già essere una plusvalenza visto che con la promozione in a sarebbero garantiti i diritti televisivi.... Quindi mi spieghi il sig. Vulpis cosa c'è di anomalo in un operazione del genere

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *