IL SINDACO

Palermo verso il futuro.
Parla Orlando

Palermo verso il futuro. Parla Orlando



Dopo l’esclusione dato dalla Covisoc alla domanda di iscrizione del Palermo Calcio al prossimo campionato di serie B - in attesa dell’ufficialità - il sindaco Leoluca Orlando sta lavorando per far ripartire il club rosanero.

Il primo cittadino ha rilasciato alcune dichiarazioni al Giornale di Sicilia stamane in edicola.

 

«Superato il momento della rabbia e rinviato il momento delle analisi, che sicuramente andranno fatte su questa vicenda da parte della Lega Calcio e della città, non resta che ripetere l’augurio di una speranza disperata: quella che il Palermo possa restare in Serie B. Finché non sono esauriti tutti i passaggi, si ha almeno il diritto a questo. È evidente che non possa essere una condizione per rimanere inattivi, motivo per cui sono in contatto continuo con Lega e Figc. Il 4 luglio, senza aspettare eventuali ricorsi, ho comunicato al presidente federale la volontà di avviare la procedura per chiedere l’assegnazione del titolo di Serie D. Una volta avuta conferma della definitiva esclusione, provvederò ad assumermi la responsabilità di questo potere discrezionale».

 

La differenza con il 1986.

«Stavolta c’è stata molta meno tensione, anche per questo spero che il presidente Albanese dia una parola di chiarimento. Da rappresentante della società ha rassicurato che tutto sarebbe andato a posto, nei termini previsti. Questo non è accaduto e ho ricevuto la giustificazione da parte della proprietà, ma rimetto la valutazione agli organi interessati, ovvero quelli federali del calcio».

 

Su Alessandro Albanese.

«Albanese è il presidente che mi ha chiamato e con cui ho parlato, dovrebbe chiedersi lui per primo se ha fatto tutto quello che doveva fare e se non debba fare qualcosa anche a tutela di se stesso».

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

Giovanni Tedesco: «Per i tifosi 
veri il Palermo è rimasto in A»

 

Palermo verso il futuro.
Parla Orlando

 

Costi, derby, under: il Palermo 
alla scoperta del nuovo mondo

 

Palermo, Di Piazza conferma il 
suo interesse: «Ci sarò anch'io»






10 commenti

  1. Aggregazione galattica lame rotanti 76 giorni fa

    È davvero interessante leggere i lamenti ciclici contro l'utente Rubini, che qualificano i suoi commenti come 'insulsi', disquisendo addirittura di 'patologie' - temo senza alcuna competenza a riguardo. È la voglia di eliminazione di chi non la pensa allo stesso modo. Mi ricorda qualcosa.

  2. Zio Tibia 76 giorni fa

    Per lungo periodo intendo nei prossimi 3/5 anni. A Roma è colpa della Raggi mentre a Palermo? La munnizza è diventata attrazione? Mi fermo qua.....

  3. Rubini 76 giorni fa

    ‘Le maglie rosanero’, anche per questo bisognerà riflettere. La Florentia dei Della Valle il primo anno, in C2, giocò con la maglia bianca, per evitare le ire (azioni) dei creditori insoddisfatti della fallita Fiorentina, di cui la stessa Florentia era, con ogni evidenza, una continuazione. L’anno successivo (già in B, grazie ad un poderoso calcio nel sedere, per un gran salto) Della Valle acquisì il Marchio Fiorentina nel Trib.fallim. ( 3 Milioni Euro ca) e così tornarono le maglie viola.

  4. Rubini 76 giorni fa

    Lungo periodo? Nel lungo periodo siamo tutti morti. Ps Anche Roma è traboccante di munnizza, come non mai. Però anche la munnizza sta diventando un’ attrazione, tanto che i turisti fotografano anche quella . Partono amareggiati, poi ritornano.

  5. Paolo 76 giorni fa

    Noi tifosi non vediamo l'ora di rivedere le maglie Rosanero correre in campo, i qualsiasi categoria forza Palermo.

  6. Zio Tibia 76 giorni fa

    Rubini lei andrebbe in vacanza in un posto traboccante di munnizza? Evidentemente lei si io no! Nel lungo periodo vedremo i danni che subira' il turismo grazie a chi continua a perpetrare cio'. Alcune mete dopo lo stop subito per il terrorismo sono tornate in auge, presto i frutti verranno raccolti..... Città a forte vocazione turistica))))

  7. Rubini 76 giorni fa

    I turisti scappano? I dati dicono l’opposto, di una riscoperta di Palermo, da parte del turismo internazionale, anche se forse non quello più ricco. La crisi, le difficoltà economiche, riguardano altre tematiche, come il lavoro e il disagio sociale. Palermo ha delle peculiarità ( compresa la ‘decadenza’) che la rendono tra le città più interessanti, non solo d’Italia. E nonostante tutto, tutte le precarietà, Palermo comunque va avanti, si arrangia e va avanti.

  8. Terenzio 76 giorni fa

    Redazione, perché ogni volta che ci connettiamo nel vostro sito dobbiamo assistere all'inflazione di centinaia di commenti insulsi di questo Rubini? Perché sta sempre qui? Patologia? Capite che reca danni al vostro sito?

  9. Zio Tibia 76 giorni fa

    Sento le cordate che dovrebbero essere in pole e mi sento male... No a squattrinati tifosi meglio imprenditori che hanno esperienza. Ps orlando anche tu dovresti chiederti se hai fatto tutto quello che dovevi fare, città allo sbando e i turisti scappano!

  10. Rubini 76 giorni fa

    Albanese, certo. Ma avevo letto parole di grande stima anche verso Tuttolomondo, da parte dei decani della stampa sportiva palermitana (v.video present. Palace di Mondello). Tra non molto (ma non a breve) ne sapremo di più, dei truffati e dei truffatori, adesso mi sembra tutto troppo ingarbugliato. Ps nell’ultima dichiarazione Dragotto ha parlato, non più di squadra, ma di titolo sportivo. Meglio stare fermi un anno e riordinare le idee. Anno sabbatico.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *