L'ANALISI

Palermo, sconfitta pedagogica
Uno, nessuno e centomila

Palermo, sconfitta pedagogica. Uno, nessuno e centomila



È arrivata la prima sconfitta, finalmente

Che sia un ossimoro o meno chi l'ha detto che perdere a volte debba essere qualcosa di negativo?! 

Dopo dieci vittorie consecutive, migliore attacco del mondo, difesa meno battuta della galassia qualcuno avrà inconsciamente pensato, le vinciamo tutte con agio. 

Il mesto pomeriggio della Favorita porta con sé una semplice ma pedagogica lezione, la strada che conduce alla gloria è piena di lacrime e sarebbe un errore imperdonabile pensare che tutto sia dato e (pre)costituito perché ti chiami Palermo

 

Il Savoia è sceso nel salotto rosanero con la voglia di chi affrontava la partita della vita e complice una disposizione tattica sapiente, ha fatto il blitz dinnanzi ad un Palermo certamente non nelle migliori condizioni psicofisiche. 

Una debacle senza conseguenza alcuna per la classifica (margine rimasto invariato a più nove rispetto alla seconda) e che quindi deve portare con sé quella riflessione serafica ma lucida insita in chi è conscio di se stesso e del suo essere. 

 

Il nervosismo palesato sin dall'alba della sfida di ieri appare alquanto fuori luogo e inspiegabile considerando il cammino di Martin e compagni. 

Sarà ulteriore elemento di analisi per il tecnico Pergolizzi che durante la settimana dovrà essere fine psicologo per riportare equilibrio e spensieratezza all'interno della squadra.

Il Palermo non può e non deve permettersi determinate licenze, troppo aulico l'obiettivo da perseguire per farsi distrarre da vane emozioni, che si sa ostacolano il ragionamento. 

 

Ma niente drammi, serve equilibrio soprattutto di analisi. 

Senza senso l'eventuale caccia alle streghe o colpevoli di non si sa cosa. 

Anche se ci saranno sempre i nemici della felicità a decantare l'oscurità e il pessimismo. 

Pergolizzi stratega anzi out, squadra perfetta ma dai mercato sbagliato, sì ma-forse-chissà-se-ordunque. 

Coloro che rifiutano l’esistenza di un qualcosa di oggettivo, perché la realtà non è come la si vede e la verità è soprattutto immaginazione.

Uno, nessuno e centomila.






2 commenti

  1. Francesco Paolo Manzella 28 giorni fa

    Nulla da dire su quanto prodotto fino adesso ma la realtà della serie D ci dice che non sempre si può giocare di scherma ma occorre anche tanta cattiveria agonistica Ogni partita sarà una battaglia e Pergolizzi tatticamente ha tanto da imparare Nel secondo tempo i cambi dovevano essere subito osando di più.Il Savoia ,nulla di trascendentale solamente molto più smaliziati e duri Non si perde in casa con questo Savoia Adesso comunque presa la lezione non mollare

  2. noitifosidelpalermo.jimdo 28 giorni fa

    Bastava poco per non perdere, anche un punto sarebbe stato ottimo visto che acireale e biancavilla hanno pareggiato. L'espulsione e gli errori tattici di Pergolizzi hanno portato alla sconfitta, niente drammi ovviamente abbiamo 9 punti di vantaggio ma bisogna ripartire subito con una vittoria per non dare speranze agli inseguitori.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *