IL CASO

Fischi a chi?

Fischi a chi?



Archiviata la prima vittoria di questo 2020 è tempo di pensare alla prossima sfida. La bussola della serie D indica la Campania, nello specifico Pratola Serra.

È lì che sabato pomeriggio il Palermo andrà alla ricerca della sua seconda vittoria consecutiva con l'intento di dare continuità al proprio percorso e ricalcare il cammino trionfante di inizio stagione.

Ma come da consuetudine in questo ultimo periodo, la marcia di avvicinamento è caratterizzata da polemiche e da un ambiente tutt'altro che sereno.

 

Il primo sorriso contro il Marsala non è bastato a far tornare il sereno in Viale del Fante e le dichiarazioni nel post gara del tecnico Pergolizzi hanno acuito ancora di più la poca simpatia del popolo rosanero nei suoi confronti. 

Un clima che di certo non agevola le prestazioni della squadra e la presenza del Savoia inietta ancora più instabilità sulla capolista. 

C'ha pensato il presidente Mirri che indossando i panni del pompiere ha voluto buttare acqua sul fuoco per evitare che un piccolo focolaio possa degenerare in un incendio di proporzioni devastanti. 

 

L'obiettivo è la vittoria finale, la promozione in C dal quale il nuovo corso non può prescindere. 

Mirri ne è consapevole prendendosi, come sempre, le proprie responsabilità. 

Per quanto possa essere naturale e diritto imprescindibile del tifoso criticare, di contro sarebbe più opportuno o, quanto meno, saggio evitare certe esternazioni. 

Il riferimento è senza alcun dubbio al tecnico Pergolizzi

Ammesso che i fischi del Renzo Barbera fossero diretti al giovane Felici, così non è stato, un tecnico dovrebbe anzi deve in qualsiasi occasione proteggere il proprio calciatore. 

Cosa che il buon Pergolizzi non ha saputo fare anzi, in preda ad un ego sproporzionato e fuori luogo, ha (ri)condotto la contestazione a Felici, tra l'altro il migliore dei suoi. 

Chi scrive continua a sostenere il lavoro del tecnico - il primato in classifica anche se meno solido ne è prova empirica - tuttavia sarebbe cosa buona e giusta se lo stesso evitasse di alimentare un malcontento non più tanto celato e, in alcuni casi, fondato. 

 

Chi paga ha il sacro santo diritto di contestare, nei modi civili e corretti come d'altronde ha sempre fatto il popolo rosanero

Per quanto concerne il futuro, testa al San Tommaso con la solita e unica garanzia, Dario Mirri

 






4 commenti

  1. wert 42 giorni fa

    Signori,che piaccia o no ha i numeri dalla sua parte, è qui tanto di cappello. Che non ha diplomazia nel rispondere alle domande dei giornalisti quello è un problema suo. Pensiamo è speriamo di vincere il campionato,poi chi vivrà vedrà........ Anche lui ,(al di là del curriculum) avrà bisogno di fare tanta esperienza. FORZA PALERMO

  2. tifoso vero 42 giorni fa

    due titoli (solo oggi): fischi a chi? e Pergolizzi non si tocca che spiegano chiaramente che questo Mister non vi piace!...le mie domande per voi sono queste: vi sembra operazione intelligente ed utile alla causa schierarvi apertamente contro? siete cosi certi che un'altro tecnico farebbe meglio? non pensate che un nuovo allenatore possa non essere ben accetto dai giocatori e rischiare di rompere il giocattolo?... ricordate che anche voi, per cio' che rappresentate, avete una grossa responsabilita' anche nei confronti del tifoso che vi legge!

  3. Giogio 42 giorni fa

    analisi perfetta. La sparata su Felici non ha senso di esistere. I cambi del tecnico sono molto criticabili, vedremo adesso che ha una rosa più ampia cosa farà... io prevedo sempre il solito cambio kharja/langella poi felici/silipò (forse si dovrebbe trovare un modo per farli coesistere, dato che entrambi apportano velocità e vivacità ad un attacco smorto), mauri sempre rilegato in panchina e malcontento crescente di tutta la rosa.

  4. noitifosidelpalermo.jimdo 42 giorni fa

    Ovvio che i fischi erano per Pergolizzi. Pergolizzi è un allenatore che pensa solo al risultato, non è un allenatore che fa giocare bene le squadre e quindo spero che almeno riesce a motivare i giocatori.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *