GAZZETTA DELLO SPORT

Palermo, perché nessuno ascoltò
il consiglio dei revisori?

Palermo, perché nessuno ascoltò il consiglio dei revisori?



 

Perché il Palermo non ascoltò il “consiglio” del Collegio dei Revisori dei Conti che, lo scorso 14 febbraio, indicò di valutare la via della presentazione di una istanza di fallimento in proprio?

È questo il monito che lancia la Gazzetta dello Sport stamane in edicola. Sottolinea la rosea come l’organo di revisione scriveva:

 

“In considerazione dell’attuale situazione finanziaria della So­cietà, rispetto alla situazione debitoria e il saldo di cassa at­tuale, raccomandiamo di valu­tare i presupposti per la presen­tazione di una eventuale istan­za di fallimento in proprio”.

Continua la Gazzetta.

È il giorno dell’uscita degli inglesi, il giorno in cui Rino Foschi di­venta presidente. Quel giorno i revisori contabili dicono al Palermonon ci sono più i soldi per andare avanti. Per il club po­trebbe essere meglio dichiarare fallimento e ottenere un eserci­zio provvisorio che consenta di arrivare alla fine della stagione”.

 

Intanto il Palermo è riuscito ad evitare la penalizzazione in classifica grazie all’intervento all’ultimo istante di Mirri che ha pagato gli stipendi. L’attualità narra di un’altra corsa contro il tempo per la vendita definitiva della società anche se il quotidiano si chiede: Ma chi com­prerebbe una società con 50 milioni di debiti? Non sarebbe meglio aprire un’asta fallimentare? Così al nuovo acquirente — che salverebbe il titolo sportivo, per esempio la A… — spetterebbero solo stipendi e affini.

Facendo, vedendo. La telenovela continua

 

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

• Cessione, Zamparini, Mirri ed investitori: parla la De Angeli

 

• Schwoch : «Palermo la più attrezzata, critiche ingiuste»

 

 

 






5 commenti

  1. Daniele 191 giorni fa

    La risposta è semplice, perchè dichiarare fallimento adesso quando posso fregarmi 50 milioni se il palermo va in A e poi chiudere bottega e mandare a fanc.... tutti.

  2. Il Moro 191 giorni fa

    NON C'E' E NON C'E MAI STATA UNA SERIA VOLONTA' DI VENDERE Concordo pienamente con Aquilarosanero....

  3. lorenzo 191 giorni fa

    Ma scusate, vogliamo smetterla di scrivere inesattezze? Che significa chi comprerebbe una squadra con 50 milioni di debito? Nel mercato vale il profitto in base alla spesa, nel caso del Palermo, a fronte di una spesa di zero euro, si prende una squadra che ha 50 milioni di debito, ma con un parco giocatori valutati 29 milioni di euro, fonte trasfermarkt.com di cui 20 milioni per giocatori di proprietà del Palermo, con la prospettiva di andare subito in A e prendere circa 40 milioni di diritti. Quindi nel giro di uno, due anni c'è la possibilità reale di ammortizzare le spese e guadagnare.

  4. Torakiki 191 giorni fa

    Perché col fallimento ha solo da perderci, secondo voi in un eventuale trattativa di cessione non accamperà qualche pretesa??

  5. AquilaRosanero 191 giorni fa

    Per il semplice motivo che la posizione dell'arrestato si sarebbe complicata, quindi… ormai la via è chiara e tranne se non venga qualche atto decisionale (dal tribunale) diverso, si vuole solamente tirare a campare fino alla fine del campionato, per arrivare ai 40 milioni di diritti tv. NON C'E' E NON C'E MAI STATA UNA SERIA VOLONTA' DI VENDERE.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *