LA DICHIARAZIONE

Palermo, la famiglia e Genova
Doda si racconta

Palermo, la famiglia e Genova. Doda si racconta



Un inizio di stagione entusiasmante per il Palermo che si appresta a sbarcare in quel di Nola forte di otto vittorie consecutive. Uno dei segreti della capolista è la qualità degli Under presenti all'interno della rosa.

 

Tra questi il terzino sinistro Masimiliano Doda che, intervistato da La Repubblica, ha parlato dei primi mesi nel capoluogo siciliano, della sua famiglia e di tanto altro.

 

 

L'amore per il calcio

La passione per il calcio mi è nata così, era inevitabile che finisse in questo modo. Mio padre faceva il difensore centrale, i miei zii giocavano, mio fratello Armelo, sedici anni, gioca nell’Under 18 della Sampdoria. In famiglia il calcio è sempre stato uno sport piuttosto amato. L’arte di difendere, evidentemente, fa parte della famiglia.

 

 

Il padre

Mio padre ha giocato per 14 anni nella serie B albanese e poi un paio di stagioni in A. Purtroppo è stato costretto a smettere per un grave infortunio al ginocchio. Giocava nel Kukesi, la squadra della città di Kukës che in questa stagione ha disputato i preliminari di Europa League. Con mio padre avremmo potuto fare una bella coppia: lui centrale e io terzino.

 

 

L'infanzia

Sono nato il Albania, a Mirdite, e ho iniziato a giocare lì da piccolo per strada con gli amici. Poi ci siamo iscritti tutti in parrocchia e abbiamo continuato all’oratorio. Quando sono arrivato in Italia avevo nove anni e sono entrato nella Rivarolese, la squadra di Rivarolo Ligure, il quartiere dove vivevamo. Ho giocato lì tre anni e sempre con i ragazzi più grandi. È stato lì che la Sampdoria mi ha visto e chiamato. In blucerchiato ho fatto la trafila nel settore giovanile, poi a giugno mi hanno svincolato e adesso sono qua a titolo definitivo.

 

E poi c’è la nazionale...

Ho avuto la fortuna di essere convocato e di provare l’orgoglio di indossare la maglia dell’Albania. Anche con la nazionale ho giocato sempre con i più grandi: ho fatto tutta la trafila, dall’Under 17 fino a Under 20. Adesso aspetto la chiamata, spero, dell’Under 21. Sono molto legato al mare e mi piace tantissimo. Se mi allontano troppo dal mare mi manca. A Palermo il clima è più o meno uguale a Genova, mi sento a casa. A Mondello poi si sta benissimo.

 

 

La Scuola.

Faccio il liceo delle scienze umane e mi manca l’ultimo anno. Sono iscritto ancora a Genova, studio da solo qui e poi farò gli esami da esterno. Gli amici, quelli di Genova, un po’ mi mancano, ma con i miei nuovi compagni di squadra mi trovo bene e soprattutto con gli altri Under sta nascendo una bella amicizia. 

 

 

Infine su Piana degli Albanesi.

Non ci sono ancora stato, ma mi hanno detto che fanno cannoli buonissimi. Presto ci andremo con Erdis Kraja. Sono goloso. Mi toccherà assaggiarlo.

 

Gli esempi da seguire.

So che qui sono passati giocatori come Cassani e Rispoli, gente in grado di fare la differenza in A. Mi piacerebbe avere un percorso simile. Anche se i miei idoli sono Dani Alves e il mio connazionale Elseid Hysaj.

 

La stima per Sarri.

Quando allenava il Napoli mi piaceva il gioco che faceva e mi sarebbe piaciuto fare parte di quel meccanismo. Se dovessi dire un nome direi proprio quello di Sarri, ma per ora mi tengo stretto Pergolizzi e penso a fare bene con le sue indicazioni. Il nostro allenatore è un martello ed è proprio quello che ci serve per tenere alta la concentrazione in un campionato in cui tutti ti aspettano al varco.

 

 

Infine, sulla famiglia.

Seguo tante serie tv su Netflix: la mia preferita è Prison Break. Non mi piace molto leggere, ma seguire documentari sì. E ascolto musica trap e reggaeton. Ascolto anche canzoni popolari albanesi. Rapporto ha con l’Albania? Ci torno ogni tanto d’estate per andare a trovare i nonni e stare un po’ in vacanza. La mia famiglia, a parte i nonni, ormai è tutta qui. Viviamo a Genova da 10 anni.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *