CORRIERE DELLO SPORT

Palermo, il ritiro e il Marsala
Il bilancio di Pergolizzi

Palermo, il ritiro e il Marsala. Il bilancio di Pergolizzi



Il tecnico Rosario Pergolizzi a pochi giorni dal ritiro precampionato svoltosi in quel di Petralia Sottana esprime la propria soddisfazione per quanto fatto fino ad ora dalla squadra e traccia un primo bilancio a Il Corriere dello Sport.

 

Siamo al 40, 50% ma abbiamo mentalità e voglia. Ora sembra tutto bello, forse prenderemo qualche schiaffo, ma con il sacrificio arriveremo. Siamo un po’ stanchi, bisogna mettere a posto la fase difensiva. Alla squadra manca la corsa per ripartire. Facciamo fatica, dopo il recupero palla, nella profondità e lasciamo troppi spazi agli avversari quando attacchiamo. Sono contento della rosa e se capita qualche occasione alla società.

 

Sulle decisioni prese.

I giovani li conoscevo, ragazzi bravi e di personalità, questo ci agevola. I grandi sono qui perché sanno adattarsi alla categoria, non in quanto hanno fatto la A o la B o per i soldi. Il direttore chiedeva: ‘Te la senti di venire a lottare con noi?’. Per vincere il campionato, ci vuole gioco, ma anche spessore caratteriale. Le altre squadre si difenderanno, avremo difficoltà. Useremo, se il caso, anche palla lunga e pedalare.

 

Stagione di rivincite?

Di soddisfazione enorme. Dico sempre che bisogna godersi il momento. Lo sto facendo, è una bella gratificazione. Se la chiamata non fosse arrivata? Stavo alla finestra, era una speranza che poi si è avverata. Scelto tra tanti, diventa una responsabilità grossa. Mi sposterò con tutta la famiglia. Mio fratello e mia sorella vivono a Palermo, ho perso i genitori nel giro di pochi mesi e loro sicuramente ne sarebbero stati felici. I miei figli lo sono. Tifano per il papà e avranno un po’ di ansia. Ci tengono che io riporti il Palermo in C.

 

Sulla fascia da capitano.

Ho deciso di indossarla io (ride, ndr).

Per me sono tutti capitani. Poi farò la scelta. Avevo 18 anni, ero a Napoli con Maradona numero uno. Lui dava la risposta definitiva a tutte le domande però, all’interno dello spogliatoio si muovevano tanti giocatori da fascia: Ferrara, Bagni, Bruscolotti, Careca, Giordano che allo stesso tempo erano soldati. È questo il mio modello.

 

Infine un pensiero sul Marsala primo avversario della nuova stagione.

Troveremo ambiente caldo e una squadra aggressiva: davanti sono bravi, daranno l’anima. Un giorno storico ma noi siamo il Palermo.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *