GIORNALE DI SICILIA

Titolo d’inverno in solitaria?
Alla fine più feste che flop

Il titolo d’inverno in solitaria? Alla fine più feste che flop



 

 

Con la vittoria sul Castrovillari il Palermo, oltre a tornare subito alla vittoria dopo la batosta contro l’Acireale, si è anche aggiudicato il titolo di Campione d’inverno.

 

Ad una giornata dalla fine del girone d’andata la formazione rosanero ha ottenuto un titolo che si era aggiudicata anche nelle ultime due stagioni di Serie B.

 

Con Tedino prima e Stellone poi il Palermo ha chiuso in testa alla classifca il campionato al giro di boa.

Il titolo di Campione d’inverno ottenuto nelle ultime due stagioni, tuttavia, non ha portato fortuna ai rosanero.

 

Come sottolineato dall’edizione odierna del Giornale di Sicilia, infatti, il Palermo negli ultimi due anni non si è mai aggiudicato la promozione, perdendo a poco a poco il vantaggio sulle inseguitrici durante il girone di ritorno.

 

Mentre nella stagione cominciata con Tedino il Palermo vide la promozione di Empoli, Parma e Frosinone (nella chiacchierata finale play-off); con Stellone l’anno dopo i rosanero persero per strada i cinque punti di vantaggio che avevano sul Brescia alla fine del girone d’andata. Lo scorso anno, inoltre, finì come sappiamo: il Palermo penalizzato, niente play-off e la successiva mancata iscrizione alla Serie B di quest’anno.

 

Ma se negli ultimi due anni il titolo di Campione d’inverno non ha portato alla promozione di fine anno, in tre occasioni precedenti il Palermo si è aggiudicato la promozione anche a fine stagione (2013/2014 in Serie B, 1990/91 in Serie C e 1987/88 in Serie C2).

 

Ci si augura che da quest’anno il Palermo possa cambiare il trend negativo delle ultime due stagioni.

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

 

ALTRI ARTICOLI


 

PALERMO, QUANDO RICCIARDO VA IN RETE È GARANZIA DI VITTORIA

IL TITOLO D’INVERNO IN SOLITARIA? ALLA FINE PIÙ FESTE CHE FLOP

GDS - PALERMO, IL TRIDENTE È UNA «SENTENZA»

PALERMO, IL PUNTO SUGLI INFORTUNATI. SFORZINI...






2 commenti

  1. Rubini 37 giorni fa

    87/88, ma quella era una grande squadra, per la categoria, la quarta serie. Già proiettata verso le categorie superiori, grazie a giocatori come Manicone, De Sensi, Di Carlo, D'Este etc. . Un campionato peraltro affrontato con lo stadio parzialmente inagibile e le problematiche della ristrutturazione. Alla fine nessuna sconfitta in casa, un percorso eccellente in Coppa Italia. La stessa squadra con pochi innesti sfiorerà l'anno successivo la promozione in B, sfumata alla fine, nella partita-spareggio contro il Foggia. (Io c'ero. Roma-Palermo-Mondello/Sariddu-Trapani).

  2. Isatacuracaticachi 37 giorni fa

    Grazie per avermi ricordato tutti questi momenti di felicità...

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *