DICHIARAZIONI

Doda: «Vogliamo riportare il
Palermo dove merita»

Doda: «Vogliamo riportare il Palermo dove merita»



Tra i giocatori del Palermo che si sono messi maggiormente in mostra durante questo inizio di campionato, c'è anche Masimiliano Doda, il giocatore classe 2000 che è già andato a segno in questo campionato.

 

Intervistato da Trm in occasione della trasmissione "Siamo aquile", il giocatore ha raccontato della sua vita e di Palermo:

 

La mia è una regione albanese e dove ho vissuto per sette  anni prima di venire qui in Italia. Il mio nome ha una sola s perché in Albania non abbiamo la doppia s.


GOL A ROCCELLA

Il mio era un tiro cross, avevo visto Santana in mezzo, ma il portiere è uscito troppo dai pali. Inizio campionato? Non ce lo aspettavamo. Siamo contenti e dobbiamo continuare su questa strada. Avrei preferito segnare in casa, ma è stata comunque un'emozione indescrivibile.


UNDER
 Se gli under sono una risorsa? Sicuramente il gruppo di giovani che abbiamo è buono. Abbiamo tanta voglia di metterci in mostra. Abbiamo legato e abitiamo tutti in zona Mondello. Sì a volte ti senti ancora in Primavera essendo molti i giovani in squadra. Ma durante le partite ti accorgi di giocare un calcio vero. 


RUOLO
Io sono un giocatore perlopiù difensivo, ma se si può dare un contributo in attacco lo do. Il Messina ci ha fatto capire che noi siamo un gruppo unito che riesce ad uscire vincente nelle difficoltà.


CONCORRENTI
Noi pensiamo partita dopo partita. Ora pensiamo alla Cittanovese. Non bisogna sottovalutare nessuno. Condizione fisica?  Nelle prime partite si è visto, ma stiamo cercando di colmare. Siamo quasi alla forma fisica buona.


PERGOLIZZI 
 Al Barbera si sente e non si sente, lui sta sempre in partita e cerca di dare consigli. Noi i video delle avversarie li vediamo uno o due giorni prima della partita. Piano piano stiamo cercando di mettere a posto gli errori. Atteggiamento degli avversari? È normale dare il tutto per tutto quando affronti le grandi squadre.

 

ZACCARDO
Alla notte dei campioni l'ho ammirato tanto. La notte delle leggende? Il pubblico è stato meraviglioso, non avevo mai visto una cosa del genere. Cassani? Gran terzino di spinta. Ogni tanto mi hanno paragonato a lui.


VITA PRIVATA E LA SCELTA PALERMO
Ancora non ho trovato l'amore, ma so che in molti l'hanno trovato qui. Io ero rimasto un po' spiazzato della scelta della Samp di svincolarmi. Appena è arrivata la chiamata del Palermo non ho esitato, una cosa del gemere ti capita una sola volta nella vita.


LA PIAZZA 
La piazza è da Serie A. Cerchiamo di riportarla dove merita. È stato un orgoglio portare il mio nome dalla Romania.


AMICIZIE
Nel calcio le amicizie quelle vere sono poche. Diciamo che quelle vere ne ho tre quattro. Alla Samp ho conosciuto due dei miei più grandi amici.


LA CITTÀ E IL PONTE MORANDI
Farò presto un salto a Piana degli Albanesi Il Ponte Morandi? Ero al campo di allenamento. Mia madre ha subito chiamato mio padre per capire se stava bene.


QUAGLIARELLA E PRIMA VOLTA AL BARBERA
Ho avuto la fortuna di allenarmi con lui e mi ha dato diversi consigli. La prima volta che sono entrato al Barbera ho subito capito di che piazza di tratta. Il primo gol con la maglia del Palermo è stato veramente emozionante.


NUMERO DI MAGLIA
Perché il 23? Volevo la 77 perché è la data di nascita di mia mamma, la persona più importante della mia vita. Alberto Pelagotti però mi ha detto che a lui ha sempre portato fortuna e mi sono fatta convincere.
Crivello mi da sempre consigli in fase difensiva. I grandi cercano sempre di aiutarci.


L'ARRIVO IN ITALIA
Perché sono venuto in Italia? C'era mia zia in Italia, qui c'era più lavoro. Prima sono venuti i mia genitori, poi io e mio fratello. Obiettivo personale? Quello di lavorare giorno dopo giorno e migliorarmi.


COMPAGNI DI SQUADRA 
Rizzo Pinna l'ho incontrato più di una volta da avversario. Kraja è stata una sorpresa. Fallani? Vivo con lui quindi è inevitabile legare con lui. I direttori ci stanno sempre vicini e sono sempre disponibili. Sogno? Raggiungere la Nazionale maggiore.






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *