AI NOSTRI MICROFONI

Amauri si racconta: «Palermo non
mollare, io ci sarò sempre»

Amauri si racconta: «Palermo non mollare, io ci sarò sempre»



Due anni con la maglia rosanero, cinquantadue presenze impreziosite da ventitré reti. Quello tra Palermo e Amauri è un legame che non svanisce, anzi è più profondo ed autentico.

In un momento delicato per la storia del club rosanero, l’ex attaccante non fa mancare la sua vicinanza. Così ai nostri microfoni il bomber brasiliano spiega il suo dolore per quanto accaduto al club di Viale del Fante.

 

Vedere il Palermo finire così fa male, non me lo aspettavo. E' molto triste!

 

Esordisce così Amauri nell'esprimere la propria tristezza per quanto accaduto al Palermo Calcio.

 

Come ho appreso la notizia?

«Grazie ai social oggi è più facile sapere cosa accade. Ho molti amici lì, mi ha chiamato un amico e mi ha riferito tutto: in quel momento sono rimasto incredulo.

Palermo ha fatto delle cose straordinarie, ha avuto grandi calciatori e allenatori: vederlo così per colpa dell’incompetenza altrui fa male».

 

I ricordi…

«A Palermo ho solo vissuto momenti belli e indimenticabili, provando sensazioni che non ho più percepito da nessun’altra parte.

È trascorso del tempo ma ricordo tutto:

La partita di Firenze rimarrà impressa per sempre nella mia mente e in quella dei tifosi: è stato un giorno e una stagione speciale. Ricordo quei due gol con una gioia immensa, peccato per l’infortunio altrimenti il finale sarebbe stato diverso».

 

E ancora…

«Nei miei due anni vissuti a Palermo ho imparato a conoscere la gente: so che non è semplice, però i tifosi rosanero - anche se in questo momento soffrono - sono sicuro che riusciranno a tornare dove meritano.

Non ha perso soltanto il calcio ma tutta la città. Mi sento un tifoso rosanero e quindi dico che torneremo a scrivere la storia, come abbiamo dimostrato di saper fare».

 

Un ritorno a Palermo?

«Ho ricevuto tanti messaggi che mi chiedevano di venire a dare una mano, ma a 39 anni ho chiuso con il calcio giocato (sorride ndr). Potrei tornare ma in un’altra veste».

 

Conclude con una promessa...

«Io per Palermo ci sarò sempre, per qualsiasi cosa di cui avrà bisogno. Alla mia Palermo dico di non mollare: i tifosi devono dimostrare che tutto ciò è successo per l’incompetenza di altri e che questa città si rialzerà insieme alla sua squadra. Presto sarò lì, non vedo l’ora (sorride ndr)».

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

Amauri si racconta: «Palermo non
mollare, io ci sarò sempre»

 

Corsa al Palermo, irrompe
un fondo arabo

 

Mirri - Orlando, è scontro
per la pubblicità

 

Palermo, Marino: «Avevo avuto
garanzie dalla proprietà»






3 commenti

  1. Di giorgi francesco 115 giorni fa

    Grazie Amauri

  2. DTAC 122 giorni fa

    per affrontare il Troina in casa propongo il trio Cavani-Amauri-Dybala in prestito dalla juventus a 30 mila euro lordi l'anno scusate per la c*****a, per un attimo mi sono sentito un tuttolomondo saluti DTAC (di talchè asseritamente conclamato)

  3. noitifosidelpalermo.jimdo 122 giorni fa

    Grande Amauri

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *