PROSSIMI PASSI

Mirri: «I giovani sono il futuro
Il Palermo deve...»

Mirri: «I giovani sono il futuro. Il Palermo deve...»



 

 

Un periodo più nero che rosa quello che sta vivendo in questo momento il Palermo.

 

Il futuro della società di Viale del Fante è ancora incerto e la Serie D è sempre più concreta. Dario Mirri, il proprietario della Damir che ha evitato la penalizzazione al Palermo grazie al pagamento degli stipendi lo scorso febbraio, potrebbe prelevare la società.

 

Intervistato da SkySport24, Dario Mirri ha parlato del futuro della società rosanero:



«I giovani sono il futuro e il Palermo si deve basare su di loro; una linea che si deve seguire nel sud in generale. Questa è una città accogliente, bisogna fare una rivoluzione culturale e Palermo ha le caratteristiche per farlo, riappropriandosi della propria cultura».

 

LA VICENDA
«Da tifoso sono sconvolto come tutti, da cittadino scandalizzato che si consenta a certa gente di comportarsi in questo modo prendendo in giro la quinta città italiana e le istituzioni, se quel che leggo è vero, questa vicenda è uno scandalo italiano».

 

SAGRAMOLA
«Intanto è un mio carissimo amico, poi è un dirigente serio e competente che può dare sicuramente il suo grande contributo. Sa lavorare con i giovani che sono il futuro. Bisogna fare una rivoluzione culturale e Palermo ha tutte le caratteristiche per poterlo fare»

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

Palermo, un tesoretto
destinato a svanire

 

Palermo, Mirri:
«Sono pronto»

 

IL DURISSIMO COMUNICATO 
DI SPORTING NETWORK

 

Dimissioni, Palermo e
York. Parla Macaione

 






1 commento

  1. Maluchiffari 85 giorni fa

    Povero Mirri! In effetti non sarebbe sbagliato dare a lui la squadra. In tre anni magari riesce a recuperare i tre milioni di euro appizzati, ché altrimenti suo padre lo disereda!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *