IL MISTER

Il Palermo che sta nascendo.
Parola a Pasquale Marino

Il Palermo che sta nascendo. Parola a Pasquale Marino



Dalle colonne de Il Corriere dello Sport il neo tecnico Pasquale Marino ha parlato del nuovo progetto tattico e delle sue idee relative alla prossima stagione.

 

«Il campionato, intanto, lo vinciamo con l’iscrizione; poi ho due anni per costruire una squadra immediatamente competitiva e per riportarla nella posizione che merita».

 

Che Palermo sarà?

«Con coraggio e pazienza, l’impronta del nuovo corso. Sono fiducioso, bisogna ricostruire quasi da zero, appena l’iscrizione sarà ufficiale ci saranno giocatori che faranno di tutto per venire a Palermo. Cerchiamo scelte oculate con gente di personalità che ha voglia di lottare e di correre. La piazza di Palermo impone anche questo. Ci apprezzeranno.

Le basi le getteremo fin dalla prossima settimana. Dobbiamo cambiare tantissimo. Qualcuno forse pensava di liberarsi a parametro zero, adesso non si può più bluffare. Nessuno è incedibile in questa categoria».

 

Sul duo Brignoli e Pomini.

«Vorrei puntarci, sarebbe già una buona base di partenza».

 

La linea futura.

«Chi viene a Palermo sa che non ci sono più ingaggi da Serie A. La società non se li può permettere e quindi dobbiamo adattarci.

Noi e loro».

 

Sulla difesa.

«Le fasce saranno completate perché è necessario avere una coppia per ogni ruolo.

Szyminski mi piace, se resta nei parametri economici è sicuramente un difensore che può fare al caso del Palermo. Dipende da lui, se ha volontà di rimanere, con le motivazioni giuste. Discorso che vale per tutti».

 

Pirrello è di valore.
«Sono d’accordo. Tanti altri verranno valutati dopo, se non saranno ceduti».

 

Sul centrocampo da inventare.
«Lo costruiremo secondo la mia idea di gioco cioè il 4-3-3. Il 3-4-3 mi sembra eccessivo nel senso che con il Palermo molti schiereranno una punta. La base sarà dunque una difesa a quattro, poi si potrà variare con il 4-3-2-1 o con il 4-4-2.

I numeri non cambiano la filosofia del modulo».

 

Sull’interesse per Ricci.
«So che è tornato a Spezia e probabilmente vi rimarrà. Non vado a destabilizzare l’ambiente»

 

Di Gennaro? 

«Mai fatto il suo nome. Se dobbiamo costruire una linea mediana a due potrebbe fare fatica. Chiedo un regista che sappia sviluppare i due ruoli. Jajalo sarebbe stato perfetto. Il sostituto deve avere le sue qualità. Murawski? Spero rimanga».

 

Sul reparto offensivo.
«Puscas un valore aggiunto. Per qualcuno il sacrificio economico ci sta. E discutiamo di un giovane che potrebbe aumentare le sue quotazioni. Tra l’altro è compatibile con Moreo, elemento duttile sulla fascia. Servono giocatori con più caratteristiche per essere meno prevedibili».

 

Situazione Embalo.
«Chi resta deve esserne convinto, altrimenti significa che non ha stimoli e la porta è aperta. Embalo rientrerebbe nelle mie idee, l’ho cercato in passato, però se non c’è la volontà…».

 

Promessa Lo Faso.

«Sono curioso di vederlo in ritiro, non boccio nessuno in partenza, se prima non tocco con mani e non capisco se ha personalità da Palermo».

 

Sogno Donnarumma.
«Chi non lo vorrebbe? Con tutti i gol che ha fatto e i campionati vinti, dubbi su di lui non ce ne sono. Che dire di più?».

 

IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

 

Palermo, campagna abbonamenti
L'idea dei Tuttolomondo

 

Il Palermo che sta nascendo.
Parola a Pasquale Marino

 

Palermo, la paura e il sospiro
di sollievo. Iscrizione vicina

 

Oggi è il giorno: tutto ciò che
c'è da sapere sull'iscrizione






2 commenti

  1. Yes 90 giorni fa

    Donnarumma e puscas sono in alternativa. Puscas se fa gol anche in semifinale andrà via ben pagato. Donnarumma giocando in un attacco a 2 ha reso, come punta centrale del 433 non lo so come possa trovarsi. Per me non ci saranno né l uno né l altro.

  2. dilettanti allo sbaraglio 90 giorni fa

    questo marsalese che parla un italiano stentato non ha capito checdeve essere subito serie A

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *