GAZZETTA

I punti deboli del Palermo:
Pergolizzi studia le contromosse

I punti deboli del Palermo: Pergolizzi studia le contromosse



Dopo dieci successi consecutivi il Palermo è incappato nella prima sconfitta stagionale contro il Savoia allo stadio "Renzo Barbera". Una caduta indolore in termini di classifica ma che deve far riflettere soprattutto nel correggere i punti deboli di una squadra che, contro i campani, è andata in seria difficoltà ed è stata per lunghi tratti incapace di imporre il suo gioco. 

 

Come scrive Fabrizio Vitale per la Gazzetta dello Sport, i rosanero avevano già palesato problemi di gioco specialmente in trasferta, dove campi piccoli e squadre ruvide come Nola e Biancavilla hanno creato non pochi problemi agli uomini di Pergolizzi. Fuori dalle mura amiche corsa, fisico e pressing costante sui portatori di palla hanno spesso messo i rosa in difficoltà, e contro il Savoia la marcatura asfissiante a uomo di Osuji su Martin ha tolto la fonte di gioco primaria alla squadra portandola alla confusione. Inoltre l'assenza di Ficarrotta e Felici in fase offensiva per occuparsi della copertura difensiva ha lasciato solo e privo di rifornimenti Ricciardo, rendendo inoperoso l'intero reparto avanzato rosanero. 

 

Prima del match contro il Savoia il Palermo è riuscito ad uscire fuori da situazioni difficili trovando comunque i tre punti, ma come si è visto domenica gli episodi a volte possono anche non girare e mister Pergolizzi dovrà valutare altre soluzioni in vista della trasferta di questo weekend contro la Palmese«Va bene mantenere un’identità con il tridente ma, a seconda dei casi, variare non farebbe male. La duttilità paga, e aveva dato già i suoi frutti in altre gare inserendo un centrocampista in più sulla trequarti. Pergolizzi ha adottato questa mossa in corsa contro il Roccella, a Locri, e in casa dall’inizio della gara vinta contro con la Cittanovese. L’uomo chiave è stato Ambro che è andato pure a segno»: scrive Vitale, indicando come possibile soluzione tattica l'aggiunta in partite più chiuse di un centrocampista in come Danilo Ambro o l'esperto Mauri, che con la sua abilità nella gestione della palla può essere un'arma importante per lo scacchiere tattico dell'allenatore. 






1 commento

  1. Palermoforever? 28 giorni fa

    Contromosse contro sé stesso? Incredibile ...

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *