L'INTERVISTA

Gli inizi, il presente e il
futuro. Langella si racconta

Gli inizi, il presente e il futuro. Langella si racconta



Il centrocampista rosanero Christian Langella, in una lunga intervista a La Repubblica, ha parlato della scelta di Palermo, dei suoi inizi e del futuro. 

 

"A Pisa ho fatto l’ esordio in C a 17 anni, l’ anno dopo avrei rischiato di trovare poco spazio e ho deciso di andare a Bari. Lì tutto è andato bene e abbiamo vinto il campionato. Quest’anno ha chiamato il Palermo e mi sono detto che sarebbe stata una bella opportunità da sfruttare. È stata una scelta voluta, non un passo indietro. Ero in ritiro con il Pisa, che è ancora la proprietaria del mio cartellino, quando mi è arrivata la telefonata dal Palermo mi sono detto “andiamo”. Mi piacerebbe riuscire a fare la scalata con il Palermo, ma ci penseremo a fine campionato. Penso a crescere e giocare il più possibile, a fare bene e vincere il campionato".

 

La rivalità con Kraja. 

"Siamo sereni, alla fine è una sfida che ci fa crescere. L’ allenatore fa le scelte e chi gioca fa il suo meglio. Siamo amici, scherziamo. Gli altri ci prendono un po’ in giro, ma siamo quasi sempre insieme, ceniamo insieme, la viviamo bene”.

 

Il futuro. 

"Potrei fare il dirigente sportivo o l’allenatore. Ma per il momento penso a giocare e che è meglio avere un salvagente, il classico pezzo di carta. Nel calcio non si sa mai, alla fine è meglio crearsi una seconda opzione”.

 

Gli inizi. 

"Avevo quattro anni e andavo in una scuola calcio a Pisa che era proprio vicino casa mia. Poi a nove anni mi ha notato l’ Empoli e ho fatto il settore giovanile lì per sette anni. Dopo Empoli sono andato al Pisa in cui ho fatto un anno di Under 17, metà anno di Berretti e metà anno con la prima squadra. Poi l’ anno scorso a Bari".

 

L'allenatore a cui sono più legato. 

"Michele Pazienza, l’ho avuto a Pisa. Era il mio allenatore alla Berretti, poi il tecnico della prima squadra Carmine Gautieri fu esonerato e lui fu promosso portandomi con sé. Mi ha fatto esordire in C, siamo ancora molto legati, ci sentiamo spesso.

Mi piacerebbe essere allenato da Maurizio Sarri, anche se è andato alla Juventus e io tifo Napoli“.

 

L'infanzia, il mare e la famiglia. 

"Ho un rapporto bellissimo con il mare, vengo da una famiglia abituata a vivere sul mare. I miei genitori sono di Napoli e in vacanza andiamo solo al mare: il posto più bello che ho visto è Sharm el Sheikh. Non ho mai fatto una vacanza in montagna. Il rapporto la mia famiglia? Molto stretto e bello. Mio padre ha una pizzeria in centro a Pisa. Mia madre Pina è casalinga, mi preparava da mangiare quando andavo a giocare a Empoli e per fare in tempo mi portavo la pasta che mangiavo in stazione. Mio fratello Manuel ha fatto il mio stesso percorso, gioca a calcio, centrocampista, è del Pisa, ma è più piccolo di me di tre anni".

 

Tempo libero. 

"Capita che usciamo tutti insieme con la nostra guida Alberto Pelagotti che ci porta sempre con lui come se fossimo suoi figli. Ho legato con tutti gli Under ma anche con Andrea Accardi e gli altri grandi. Però sono un tipo casalingo e mi piace riposare dopo gli allenamenti". 

 

Netflix o Playstation?

"Sia l’ una che l’altra. La mia serie tv preferita è Prison Break, ma le vedo tutte: La casa di carta, Suburra. Me le godo quest’anno perché l’ anno prossimo mi iscriverò all’ università e ci sarà meno tempo per altro".

 

Conclude... 

"Mi iscriverò all’università online perché per gli impegni sportivi frequentare lì quasi impossibile. Sono arrivato a questa conclusione l’anno scorso quando ho fatto gli esami di maturità da privatista alla scuola pubblica dove ero iscritto a Pisa. Frequentare a Bari era impossibile. Io ho fatto il liceo scientifico a indirizzo sportivo quindi conto di iscrivermi in Scienze motorie. 

Ricordo la maturità e l'ansia del giorno prima e l’emozione del momento. Mi sono divertito in quei giorni. E di quegli incubi di cui si parla dopo la maturità nemmeno l’ ombra. Ero sereno. Mi è rimasto anche il ricordo delle ore passate a studiare in ritiro a Bari". 






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *