LA NOTA

Eleven, arriva la diffida di
uno studio legale palermitano

Eleven, arriva la diffida di uno studio legale palermitano



 

Continua l'attacco ad Eleven Sports. La piattaforma streaming proprietaria dei diritti del Palermo per la stagione di Serie D 2019/2020 non ha affatto convinto la tifoseria che, a causa di svariati problemi tecnici, è stata costretta a vedere le partite dei rosa con interruzioni continue e malfunzionamenti dell'app per dispositivi mobili. Lo studio legale dell'avvocato Palmigiano di Palermo ha deciso per questo motivo di inviare, in nome e per conto dell'associazione Cid che si occupa della tutela dei consumatori, una diffida ad Eleven Sports. 

 

Di seguito la nota ufficiale: 

 

“Dopo i disservizi registrati nelle prime giornate di campionato, arriva una diffida alla Eleven Sports, società che ha ottenuto l’esclusiva dei diritti televisivi per le partite di calcio della societa’ che ha rilevato il Palermo. Una vera e propria messa in mora in cui ci si riserva comunque di chiedere il risarcimento dei danni e non si escludono ulteriori azioni legali. Molti abbonati hanno segnalato numerosi disservizi nell’utilizzo della piattaforma e nella fruizione del servizio di streaming acquistato. In molti casi i tifosi non hanno avuto la possibilità di seguire nemmeno uno spezzone di partita, dati i continui crash dell’applicazione; mentre quando la piattaforma ha avviato la trasmissione, le partite subivano continue interruzioni, rallentamenti e avvisi di errore nel sistema. Il servizio offerto dalla società non risulta, a oggi, conforme al contratto di vendita, oltre a non offrire livelli di qualita’ che i consumatori possono ragionevolmente attendersi, tenuto conto della natura e dell’utilizzo cui è destinato il prodotto”.






1 commento

  1. Gaetano 19 giorni fa

    Ma che falliscano questi buffoni e sprovveduti!

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *