PRESIDENTE FBC SUPPORTERS

Di Napoli: «3900 euro pochissimi
ma il nostro lavoro continua»

Di Napoli: «3900 euro pochissimi ma il nostro lavoro continua»



Palermo e azionariato popolare. Questa mattina sono stati svelate dalla società le proposte delle due associazioni “AmiciRosaNero” e “Palermo FBC 1900” e Sergio Di Napoli, presidente del "Palermo Football Club Supporters Trust", è intervenuto ai microfoni di Radio Time per commentare la divisione dei due gruppi nonché il risultato ottenuto dalla sua FBC:

 

«Non ho mai inteso tutto questo come una gara e non dovrebbe esserlo, dovrebbe essere tutto in favore del Palermo. Noi come "Palermo FBC" andiamo oltre il 31 ottobre e continuiamo ad associare tifosi rosanero perché l'obiettivo è quello di creare un movimento notevole attorno al Palermo, non c'è una data perché la nostra passione è sempre presente. Abbiamo provato ad unire tutti i gruppi e a creare un unico contenitore perché siamo tutti tifosi e vogliamo aiutare il Palermo, perché disunirsi?». 

 

IL RISULTATO

«Abbiamo messo la nostra azione a 10 euro perché la intendevamo come azionariato popolare reale e aperto a chiunque, altri hanno preferito fare altro. C'è stata un po' una discriminazione per chi magari non poteva oggettivamente mettere centinaia di euro pur essendo tifoso come tutti gli altri. 3.900 euro sono pochissimi ma ce l'aspettavamo, ma stiamo continuando il nostro lavoro. Il nostro obiettivo è continuare a raccogliere solo per il Palermo, siamo pronti ad associarci con tutti e accogliamo chiunque. Questa gara è sbagliata, il famoso punto del contratto di Mirri ha creato una competizione che non si doveva creare. C'è stato da parte nostra il tentativo di unione, abbiamo fatto diversi incontri ma ognuno teneva alla propria individualità come gruppo. Abbiamo provato anche a fare un contenitore unico con un terzo nome ma alla fine è andata così. Io non sento antagonisti, siamo tutti amici rosanero». 






4 commenti

  1. Yes 13 giorni fa

    Concordo Marcello, modalità sbagliate

  2. Ale 13 giorni fa

    E pensare che questa Palermo F. C 1900 doveva comprare il Palermo, assurdo

  3. stadio 13 giorni fa

    L'azionariato popolare non ha senso.

  4. Marcello montesano 13 giorni fa

    Questo gruppo si era candidato per acquistare la società. Minxxxia risate! Comunque è un azionariato del cavolo! Organizzato malissimo. Le quote deve metterle a disposizione direttamente la società, adesione diretta. Moltissimi non hanno aderito perché non vogliono intermediari, avvocatucci, pseudo economisti, in cerca di visibilità coi soldi dei tifosi. Comprese le determinanti antipatie personali. Questo concetto di sentirsi parte di un gruppo, sentirsi rappresentato da alcuni, infastidisce moltissimi (che avrebbero aderito) che vogliono essere autonomi nelle scelte e coi propri soldi.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *