STORIA

Costantino, dal posto fisso
all'Ungheria sognando la Sicilia

Costantino, dal posto fisso all'Ungheria sognando la Sicilia



 

Nell'edizione siciliana della Gazzetta dello Sport c'è una storia interessante e riguarda quella di Giovanni Costantino, 35 anni di Messina, che lasciò il posto fisso nelle ferrovie emiliane per allenare bambini in Finlandia e adesso si ritrova come match analyst per la nazionale ungherese. 

 

Costantino ha raccontato questo percordo partendo proprio da quella decisione sofferta di lasciare il posto fisso per percepire un terzo dello stipendia che aveva: «Mia madre ha pianto per non so quanto tempo a causa della mia scelta. Una scelta folle, ma in poco tempo sono gia? arrivato ad altissimi livelli. Ho iniziato a Porvoo, a 50 chilometri da Helsinki. Tecnica di base vicino allo zero. Solo un bimbo, in quel gruppo, riusciva a fare almeno 10 palleggi. Ho lavorato tanto e mi sono preso molte soddisfazioni». 

 

DALLA FINLANDIA ALL'UNGHERIA

«Mi contatta Marco Rossi per entrare nel suo staff alla Honved, squadra ungherese con cui abbiamo vinto il campionato prima di passare al Dac, in Slovacchia, centrando la qualificazione in Europa League. Adesso c'è la nazionale ungherese. Partivamo in quarta fascia, adesso ci manca una vittoria per andare ad Euro 2020».

 

SICILIA

«Tifo Acr Messina, ma spero in un progetto unico. Mi piace come gioca l'Fc. Palermo? Difficile riprenderlo, ma i giochi non siano ancora fatti. Ad ogni modo, vedere il calcio siciliano ridotto in questo stato fa male. Palermo e Messina in D, il Catania che ha i suoi problemi. Come anche il Trapani. Dobbiamo ripartire dai siciliani di valore. E? un problema di mentalita?, ma la meritocrazia e? utopia, purtroppo. Allenare l'Acr? Sarebbe un sogno, ormai ho  ache fare con giocatori che fanno la Champions, ma tornare a Messina sarebbe un sogno. Intanto ci vediamo in curva».


IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM

 

ALTRI ARTICOLI


 

Progetto polisportiva e recupero dei cimeli. Parla Mirri

 

 

Record Palermo, in Europa solo in cinque a punteggio pieno

 

 

C'era una volta Mirrilandia

 

 

Nola-Palermo, si va verso la conferma dello Sporting Club






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *