FUTURO SOCIETARIO

Cessione Palermo, in tre
interessati ma la strada è lunga

Cessione Palermo, in tre interessati ma la strada è lunga



Oltre che per le vicende giudiziarie, il futuro del Palermo sia dal punto di vista sportivo che societario è incerto.

Se da una parte si pensa a piazzare i big per fare cassa, dall’altra Zamparini sembra spingere sempre di più per una cessione.

 

Stando a quanto riportato nell’edizione odierna del Giornale di Sicilia, sembrerebbero tre le cordate interessate all’acquisizione del Palermo Calcio.

 

Nei giorni scorsi Maurizio Zamparini avrebbe incontrato di persona una cordata svizzera che ha già operato in Italia e che adesso è alla ricerca di una nuova e importante avventura. Questa trattativa però, sempre secondo il quotidiano, è solamente alle primissime fasi. Dunque nulla di concreto.

 

Tra le cordate, anche quella americana resa nota tempo fa e che ha già ricevuto dalla società rosanero alcuni documenti utili per la due diligence. Imprenditori americani che continuano a tenere contatti con Zamparini nonostante la mancata promozione e che anzi sembrerebbero ancor più interessati all’acquisizione considerando la variazione della valutazione del club.

 

Ma tra i nomi nuovi, spunta anche quello dell’ex Ad rosanero Rinaldo Sagramola. L’ex dirigente rosanero avrebbe fatto visita alla sede della società per prendere possesso di alcuni documenti relativi ai conti societari. Secondo il GdS Sagramola avrebbe anche messo in piedi una cordata per l’acquisto.

 

Zamparini vorrebbe concludere il tutto in due settimane, ma considerando le trattative passate e i nuovi sviluppi giudiziari, tutto questo è parecchio improbabile. Sono attesi sviluppi.






9 commenti

  1. Ilvicino 30/06/2018

    Tutti contro Zamparini? Prendetevela con sti vermi che pagano il pizzo. E ovviamente anche chi paga le multe

  2. Rubini 30/06/2018

    Palermo, esterno giorno, strada trafficata. ‘A n’età v’avissero a livare puro a pensione!’ Il volto della ragazza interamente fuori dal finestrino, atteggiato ad odio e il maquillage estremo lo rendeva ancor più forsennato. Eppure non aveva fatto nulla di grave, forse una piccola scorrettezza, ma a Palermo il traffico è una giungla e devi difenderti. Voleva quindi togliermi non solo la patente ma ‘puro’ l’eventuale pensione. Farmi così morire d’inedia. Palermo, che succede, troppo sole, troppo poco sole, troppo caldo, troppo freddo?

  3. Paolo 30/06/2018

    Volevo segnalare un articolo letto su tuttomercatoweb, l'arbitro La Penna quello della gara con il frosinone é stato promosso in serie A.....

  4. Blackmamba 30/06/2018

    Sarebbe ora che facessero un SUMMIT tra indagati.... e capissero che la procura non li molla, di promozione vista la squadra che vogliono fare nessuna speranza, quindi prima che accada l'irreparabile vendano veramente il Palermo calcio (che più tempo passa meno vale). Anche perché chiedere il ritiro del passaporto potrebbe essere una cosa automatica vista la situazione, e neanche una vacanza a Santo Domingo potrebbero farsi.....al massimo a San Vittore....

  5. lupo 30/06/2018

    La permanenza in serie b sarà la nostra fortuna a liberarci della tua presenza.Ti sta mancando la terra sotto i piedi e la tua paura e di sprofondare insieme ad essa.Ti auguro di cuore che tutti i soldi defraudati alla società calcio Palermo ti possano servire a curarti .La tua ricchezza possa essere il tuo inferno

  6. Mau49 30/06/2018

    La strada per lui è sempre lunga.Se non ha finito di distruggere il Palermo,come ha fatto col Venezia,non cederà nulla.Ogni commento a questo comportamento è superfluo...

  7. Funk 30/06/2018

    Chiede 50 milioni, lui si che ama questi colori come citato nella lettera ai tifosi e io l'ho ringraziato tanto x le sue balle parole

  8. Anarchico 30/06/2018

    In poche parole... Solo chiacchiere

  9. claudo baglioni 30/06/2018

    Stradaaa facendooo..vedrai ...... Mah.. Ogni popolo ha qurllo che si merita... Purtruppo ...

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *