AMBIENTE

Cessione Palermo. E di calcio
giocato non si parla più

Cessione Palermo. E di calcio giocato non si parla più



 

Lo stop al campionato in questa settimana si è fatto sentire di più, soprattutto dalle parti di viale del Fante. A Palermo, in questi ultimi giorni, si è parlato quasi del tutto di questioni extracalcistiche e poco, pochissimo di calcio giocato. 

 

Con la notizia della firma di un accordo preliminare tra Follieri e Zamparini e le conseguenti dichiarazioni del patron, l'attenzione si è spostata totalmente sulla cessione societaria, tornata nelle prime pagine dei giornali e nelle discussioni da bar tra tifosi. Nelle ultime partite del "Barbera" era stato presente uno dei candidati all'acquisizione del Palermo, Antonio Ponte, ma il cambio in panchina e la vittoria contro il Crotone aveva portato l'attenzione sulla squadra di Stellone. Adesso è tornato Follieri con la cordata americana che fa da sfondo per le speranze di molti fan di vedere Zamparini fuori dai giochi rosanero. 

 

In attesa dell'approvazione del bilancio e della tanto attesa data del 24 ottobre, giorno in cui scade l'esclusività della trattativa con Follieri, il Palermo sta preparando la sfida d'alta classifica al Lecce che si terrà domenica sera al "Via del Mare". I giocatori del Palermo hanno già dimostrato di saper isolarsi dai fatti extracalcistici, in questi anni i rosanero hanno dovuto fare i conti con cambi di presidente, di ds, sequestri, dissequestri, istanze di fallimento e questioni giudiziarie; e nonostante tutto il Palermo ha mantenuto sempre un andamento positivo. 

 

Adesso l'attenzione si dovrebbe spostare sulla squadra, perché facendo risultato a Lecce i rosa andrebbero a ridosso del primo posto e questa vittoria sarebbe importante ai fini della promozione.

Il Palermo ha sempre risposto bene dopo dei fatti extracalcistici e, stando a quanto riferisce Stellone durante le sue conferenze, sicuramente non mancherà la massima attenzione nel match di domenica come non sarà mancata durante ogni sessione d'allenamento.

 

Dopo la partita si parlerà nuovamente di cessione societaria, ma farlo sapendo che il Palermo è lassù in classifica darebbe maggiore serenità, perché, alla fine, il calcio è soprattutto questo: la gioia provocata da una vittoria e la delusione dalla sconfitta. Tutto il resto è contorno. 






12 commenti

  1. Rubini 19/10/2018

    Redazione, come non detto. Però non vorrei aver urtato la sensibilità di qualche utente, parlando di gadget e di panini. Al tempo stesso vorrei precisare agli stessi utenti che la Festa del Cinema non è roba da bighiettu riduoittu re me nanno o accrediti stampa ru circolo sportivo bocce&briscola. Intendiamoci, qualche invito posso pure rimediarlo. Fatemi sapere. Avvertenza: considero tassativamente vietato un abbigliamento prettamente sportivo o tipo giacca del cognato ca federa sfardata su jeans Tascio's da Euro 8,99.

  2. Il Moro 19/10/2018

    Concordo pienamente con Rosario, Mau49, e Ciuridduscainew24....

  3. rosario 19/10/2018

    D'accordo con Mau49 che descrive la realtà ricordo comunque che per lui disputare l'Europa League era una perdita di tempo perchè non c'erano i soldi della Champions ecco sempre li si va a finire i soldi che sono l'unica cosa che gli interessa.

  4. Mau49 19/10/2018

    Chi ancora ricorda gli anni ruggenti,Europa compresa,dimentica un particolare: Solo pubblicità per i propri interessi.Era il Presidente più presente alle trasmissioni sportive.Solo pubblicità e nulla più,per soddisfare il proprio incontrollabile Ego e vanità.Dell' amore per il Palermo ed il rispetto dei Suoi tifosi, nemmeno l' ombra.I fischi a Cavani? E chi può escludere che non siano stati commissionati per giustificare la ( s) vendita?Ha fatto un favore a ADL,ricordate? Disgustoso!Non ha fatto neanche un favore a se stesso.

  5. Mau49 19/10/2018

    Stadio vuoto,simile ad una spelonca.Immagine terribile,che sancisce il profondo dissenso dalla proprietà ed insanabile frattura.Questo il giudizio inappellabile verso un personaggio dal precario senso dell'umanità e rispetto.Sentenza impietosa.E' una tifoseria offesa una città ridicolizzata che non si identifica con questo individuo ed il suo comportamento,freddo e distaccato e che ha anteposto il vile denaro da trarre ai sentimenti.Il resto sterile chiacchera priva di significato.Chi lo difende si rende complice di un misfatto umano e sportivo.Amen

  6. Funk 19/10/2018

    Scusate ma di quale calcio giocato dobbiamo parlare tipo delle retrocessioni programmate m x favore se questo è calcio meglio non parlarne

  7. CiurudduScaiNius24® 19/10/2018

    Se vabbè la festa del cinema per commentare giovannona coscialunga o quel gran pezzo dell'ubalda jajajjajajajjaja e pi manciari? Coscia di pollo food e Tavernello bello agghiacciato ajajjajajjajajjajaj è giusto che il palermo allievi il dolore per chi è affetto dalla sindrome geriatrica della manina cadente post allisciata dentro la camicia aperta come i tasci, ma io di formazioni, moduli, e chi gioca non mi interesso da anni, che mi frega se già è scritto che si vende pure i chiodi e la A è solo pi fari picciuli. Allora preferisco leggere che va via anche se non ci credo e sono tutte palle.

  8. AquilaRosanero 19/10/2018

    Fra poco non ci saranno neanche più lettori riguardante la cessione tanto il friulano, ce la fatta a m****o di s***a. Chi ha scritto questo articolo probabilmente vive su un'altra dimensione.

  9. Mau49 19/10/2018

    Il primo che dista da anni forse da sempre dalla squadra è il friulano innominabile.Mi meraviglio che si polemizza,quando il baratro del fallimento potrebbe aprirsi.Diserta lo stadio da tempo immemorabile segno del menefreghismo imperante.A lui interessano solo gli sghei...Ma di cosa stiamo parlando,quando c'è viva preoccupazione sportiva del futuro...Amen

  10. Rubini 19/10/2018

    Redazione, avete capito? Dice @Anarchico: 'Scelte editoriali discutibili'. Ci vuole pazienza. Della squadra però a loro poco importa, non la seguono più da tanti anni, che la dignità è dignità. Tanto meno del calciomercato, chi su sulo tracchiggi, traffico di resche. Allenatori, se vabbé, dal quarumaru a mastro lindo. Follieri, Ponte? Se vabbé, ci manca solo Bargello, 'son caxxi tuoi, in galera!'. Ci vorrebbe un'idea. Non so, a Roma c'è la Festa del Cinema, posso darvi una mano, con qualche piccolo resoconto. Ieri sono andato, mi presi due gadget e un panino allo Sparkling Food, 3 Euro.

  11. Aquilotto 19/10/2018

    INFATTI DEL CALCIO GIOCATO DALLA SQUADRA DEL PROPRIETARIO DA INCUBO , INTERESSA FORSE SOLO AL 10% DEI PALERMITANI ,BASTA VEDERE IL BARBERA VUOTO PER RENDERSENE CONTO , IO PER ESEMPIO NON LEGGO UN ARTICOLO CHE RIGUARDA ASPETTI TECNICI DA PIÙ DI UN ANNO .LA SOLA COSA CHE INTERESSA AL RESTANTE 90% RIGUARDA LA CESSIONE DELLA SOCIETÀ , PERCHÉ CONTINUANDO IN QUESTE MANI IL FUTURO POTREBBE ESSERE DEVASTANTE

  12. Anarchico 19/10/2018

    Ma io infatti ne faccio una questione di serietà. La scelta editoriale di dare risalto al nulla ovvero questa fantomatica cessione assolutamente impossibile attualmente, diventa tema principale, quello che è reale, come la squadra ed il presente è in secondo piano.... Scelte editoriali discutibili.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *