INTERVISTA

Caos Palermo, Delio Rossi:
«Tornerei, Foschi è distrutto»

Caos Palermo, Delio Rossi: «Tornerei, Foschi è distrutto»



 

Delio Rossi era tornato a Palermo per riportarlo in Serie A chiamato da Foschi, ha ottenuto il terzo posto sul campo, ma non ha mai avuto la possibilità di giocarsi i playoff. Dopo l'avvento di Arkus Network e il mancato rinnovo, dunque, l'addio. 

 

L'ex allenatore del Palermo è tornato a parlare della situazione attuale in una lunga intervista al Giornale di Sicilia, ma anche di quello che sarà non negando un suo ritorno anche in categorie inferiori:

 

"Un dolore indicibile, soprattutto per i tifosi, perché so cosa significhi il calcio per una città come Palermo - ha detto Rossi -. Ripartire eventualmente da una categoria così bassa significherebbe cancellare una storia gloriosa, che mi ha anche visto partecipe. Non mi ha chiamato nessuno. Ho solo avuto un colloquio con il signor Lucchesi, mi ha detto che ha fatto una scelta a malincuore, in rotta col passato. Personalmente con loro, con i Tuttolomondo, non ho mai parlato, se non nelle presentazioni. Si poteva andare in A? Penso di aver sistemato un po’ la squadra e di avere grosse possibilità di vincere, questo è il mio unico rammarico".

 

FALLIMENTO

"In altre piazze avremmo visto gesti inconsulti, invece la reazione di Palermo la dice lunga sulla dignità di queste persone. Foschi? Rino forse è legato a Palermo in maniera più viscerale rispetto a me e lo so perché l’ho sentito, purtroppo non sta neanche bene fisicamente perché reagisce alla sua maniera. Si è buttato anima e corpo su questa vicenda, ci ha messo la faccia e ha lottato in prima persona. In questo momento è distrutto, voglio solo dirgli che la gente non dimentica. Dovessero chiamarmi per ripartire dalla D? Risponederei come ho risposto l’altra volta. Il mio legame con Palermo non è interrotto e non lo sarà".


IMMAGINE  SIAMO SU INSTAGRAM


 

ALTRI ARTICOLI

 

ForzaPalermo.it LIVE Dal Palazzo Reale

 

 

Albanese non è più il presidente del Palermo

 

 

Palermo, progetti e Mirri Parla Sagramola






8 commenti

  1. Il Moro 104 giorni fa

    Concordo con ciuridduscainius24.....mischino appizzo 750.000€....anche a me verrebbe il mal di testa

  2. CiuridduScaiNius24® 105 giorni fa

    Ottima risposta di Delio rossi a cui va la mia stima come uomo, ma credo che come allenatore per quello che abbiamo visto in B non è stato il massimo, e meno che mai lo potrebbe essere in D dove non ha esperienza. Per la promozione certa ci vuole il meglio della categoria. Così come è stato fatto il nome di Zeman, suggestivo ma inadatto.

  3. CiuridduScaiNius24® 105 giorni fa

    Non scherziamo, Loschi è distrutto perchè gli sono saltati 750mila euro di stipendio, per il resto è sempre stata la faccia pulita ma non troppo di questa commedia, in cui è sempre stato complice da anni. Gli inglesi andavano bene ed erano affidabili, ha sempre saputo quello che Tramezzini e Daniela De luciferi avevano in mente, e state certi che se i fr.li Ruttoprofondo gli facevano un contratto fussi ancora ca.

  4. Gabriele 105 giorni fa

    Grande Delio. Uomo in tutti i sensi. Palermo non dimentica.

  5. Alessandro 105 giorni fa

    Grande rispetto per Delio brava Person, ma foschi e un cialtrone al pari della de angeli è zamparini la triade del malaffare

  6. Torakiki 105 giorni fa

    Foschi é quello che gli inglesi persone serie o sono contento della nuova proprietà, lui che è uomo di calcio come faceva a non sapere che erano proprietà inconsistenti per non dire di peggio?

  7. Mau49 105 giorni fa

    Grande Delio,immenso Rino.Avete dignità ed amore per noi da vendere.Le hanno detto una piccola bugia,la De Angeli è rimasta,emblema del passato. SIC !!!!!

  8. noitifosidelpalermo.jimdo 105 giorni fa

    Una proprietà seria, direttore sportivo Foschi, allenatore Rossi e il Palermo nel giro di 2 anni è già in serie B.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *