PARLA RICCIARDO

«Barbera pazzesco, ho avuto
i brividi per tutto il match»

«Barbera pazzesco, ho avuto i brividi per tutto il match»



La "Notte dei Campioni" che ha visto scendere in campo il nuovo Palermo e le leggende rosanero non è stata soltanto una serata di festa ma anche il modo di presentare ai tifosi la squadra di mister Pergolizzi nel suo esordio al "Renzo Barbera". Stadio per l'occasione gremito di tifosi, ben 20.000 sugli spalti, numeri che non si vedevano da tantissimo tempo e che hanno impressionato gli stessi giocatori rosanero, su tutti Giovanni Ricciardo. L'attaccante ex Cesena, entrato in campo a fianco di una punta storica come Luca Toni, intervistato da Trm ha parlato delle sue emozioni durante la partita e all'ingresso sul terreno di gioco del Barbera: 

 

«Campionato? Intanto ci godiamo questo stadio che fa venire i brividi: una cosa è vederlo in tv un’altra è entrare con il proprio corpo dentro lo stadio: è pazzesco, un’emozione unica, ho avuto i brividi per tutta la partita. Naturalmente da oggi in poi pensiamo alla prima di campionato e ci concentreremo».

 

SERIE D

«Saranno 34 battaglie, ma ci penseremo partita dopo partita. Sarà dura fin dalla prima di campionato, con il Marsala che ci aspetta un po’ come tutte le altre squadre. Noi siamo pronti soprattutto mentalmente, perché fisicamente ce la giocheremo con tutti, ma se mentalmente riusciremo ad essere pronti e forti potremo fare bene. Peso di dovere vincere il campionato? Ognuno di noi è venuto qua sapendo quali fossero le responsabilità che ci aspettavano, la maglia che indossiamo è pesantissima, sapevamo che l’unico obiettivo era la vittoria». 

 

GOL E CATTIVERIA

«Sarà difficilissimo, lo devono sapere tutti, per questo nello spogliatoio cerchiamo di respirare positività e soprattutto di metterci sempre più cattiveria in allenamento. Perché questo campionato si vince con la cattiveria, con la costanza e con l’equilibrio costante da parte di tutti: tifosi, squadra e società. Termini che mi piacciono, perché conosco bene questo campionato e so che questi sono gli ingredienti per vincere. Gol? Sono venuto a Palermo con la consapevolezza che la gente si aspetta tanto da me: non mi piace promettere, un attaccante non può promettere gol, ma io sicuramente per questa gente farò di tuto per vincere questo campionato. E’ l’obiettivo di tutti, ma anche il mio personale obiettivo e questa è la cosa più importante: se riesco a contribuire con tanti gol bene, ma la vera importanza è il peso dei gol non il numero».






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *