L'INTERVISTA

Acireale, Cannino: «Sogno di
vestire la maglia del Palermo»

Acireale, Cannino: «Sogno di vestire la maglia del Palermo»



Parla Francesco Cannino. Il terzino palermitano dell'Acireale ha parlato, in un'intervista rilasciata al quotidiano "La Sicilia", del caso penalizzazione degli acesi dovuto al suo ingresso in campo contro l'ACR Messina nonostante la squalifica e del suo sogno di vestire la maglia del Palermo:

 

«L'ho vissuta male, mi è dispiaciuto, perché noi avevamo conquistato in campo la vittoria, si trattò di una svista, ma si sono verificati casi uguali altrove, e stiamo aspettando che quei 3 punti ce li restituiscano. Peccato, perché stavamo facendo un ottimo campionato, e quell’ulteriore -4 ci ha tagliato le gambe. Di fatto non abbiamo giocato più come prima, abbiamo mollato un pò, e adesso ci stiamo riprendendo. Alla luce della nuova classifica, dopo i 4 punti di penalizzazione, dobbiamo puntare a salvarci prima possibile, ed è un peccato perché stavamo volando ad alta quota».

 

PALERMO

«Soddisfazione più grande in questa stagione? I due assist smistati a Palermo, contro la mia squadra del cuore, nella mia città e nello stadio che ho sempre sognato di calcare. C’era un’atmosfera magica. Giocare nella mia città è tutto quello che desidero, dipende da me e dalle mie prestazioni in granata. Se il Palermo vincerà il campionato? Penso di sì, ma è ancora tutto aperto. Il Savoia è vicino, e dietro ci sono tante squadre valide».

 

ULTIMO TURNO

«Serviva una vittoria ad inizio anno per riprendere il filo, siamo un gruppo molto unito, e nelle difficoltà ci siamo stretti ancor di più. Credo che restando compatti possiamo risalire la classifica. Se spero di restare? Certo. Mi sto trovando molto bene, i tifosi ci stanno sempre vicino e questo è un bene, ho legato con i miei compagni, e l’idea quando sono arrivato era di restare a lungo».







Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *