Amarcord '90/91: quando il Palermo giocò contro il Real Madrid. Nei ricordi di Paolucci




Il Palermo del 1990/91. Il presidente era Ferrara, e Polizzi quell'anno diventò amministratore delegato, prima di diventare a sua volta presidente. Fu un campionato importante, perchè segnò il ritorno del Palermo in serie B, dopo un campionato di C2 e tre di C1, successivi alla radiazione del 1986/87. L'allenatore delle prime quattro giornate fu Liguori, poi sostituito da Ferrari. I rosa terminarono il campionato secondi, a due punti dalla Casertana, prima. Per festeggiare lo "storico" evento, venne organizzata un'amichevole contro il Real Madrid, che terminò 1-1. Del campionato, del Real Madrid, di alcune fondamentali partite per la promozione, ne parla l'attaccante Silvio intervistato da Roberto Pedivellano, che cura "Amarcord - Rosanero Storia", una delle rubriche contenute in "Rotocalcio", la trasmissione televisiva che va in onda ogni martedì su TeleOne, condotta da Michele Sardo e Toni D'Anna. ferrariPaolucci inizia con il ricordare le difficoltà avute dal Palermo all'inizio del campionato, che segnava anche il ritorno alla Favorita dei rosa dopo l'esilio a Trapani per "Italia '90". Ma in quel campionato non ci furono  solo difficoltà: anche momenti bellissimi, circondati da un pubblico numerosissimo e caloroso, che l'attaccante ricorda con vero piacere.Ricorda anche i suoi compagni di quell'anno... C'erano Renzi, Biffi, Favo, Modica, De Sensi, Di Carlo per dirne alcuni, che formavano un gruppo unito e vincente. l'attaccante, , sollecitato da Robero Pedivellano, ricorda un Palermo- Ternana nel quale  realizzò una doppietta, e la squadra raggiunse il primo posto. Ma parla anche di Palermo-Andria, la partita conclusiva, con 55.000 paganti, ma forse 65.000 presenti, incredibile per la serie C1. La partita finì 1-1, con gol di De Sensi, ma alla fine, alla luce del risultato di Perugia-Casarano significò promozione. E fu gran festa! formazione90I festeggiamenti culminarono conn un sontuoso Palermo-Real Madrid, ancora nei ricordi di Paolucci. La formazione rosanero era impreziosita per l'occasione  da un campione come Franco Causio. Come detto la partità terminò con un salomonico 1-1, ma in questi casi conta l'evento, non il risultato. Per finire annotiamo che il Palermo perse per la terza volta la finale di Coppa Italia di serie C, ancora una volta contro il Monza. Ma purtroppo sappiamo che perdere le finali di Coppa Italia, qualunque esse siano,  è nel DNA dei rosa...    






Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *