UN ANNO

16 giugno 2019. 365 giorni
dopo lo scempio di Frosinone

16 giugno 2019. 365 giorni dopo lo scempio di Frosinone



 

16 giugno 2019.

Sembra una giornata qualunque, una giornata interlocutoria che non a caso casca di domenica, al termine di una settimana in cui si sono dette tante cose e se ne sono fatte quasi altrettante.

Il Palermo ha reso noto il nome del nuovo allenatore, quel Pasquale Marino che torna in Sicilia col sogno nel cuore di ripetere quanto fatto 14 anni fa a Catania.

È stato stabilito dove e per quanto tempo si farà il ritiro estivo, con la doppia tappa tra San Lorenzo Dorsino e Sarnano che porterà i motori rosanero ai giri e al calore giusto per l'inizio ufficiale della stagione.

Ma questo 16 giugno si porta dietro anche un retrogusto amaro. Inutile chiedersi il perchè, lo sappiamo tutti. Un anno fa il Palermo si giocava allo "Stirpe" di Frosinone la possibilità di approdare in serie A.

 

La sensazione dopo la gara di andata, giocata al "Barbera" e vinta per 2-1 in rimonta, è che la formazione allora guidata da Roberto Stellone potesse farcela. E invece, la storia è, ahinoi, nota a tutti.

Eppure i primi minuti di quella partita sembravano promettere bene. Quel Palermo sembrava ben messo in campo e soprattutto con un alto tasso di concentrazione e di serenità. Dall'altra parte il Frosinone sembrava interessato più a dare calci che a tentare la rimonta, con nel mirino soprattutto quel Nestorovski reo di aver "parlato assai" nell'immediato post-partita dell'andata. I rosa creano e soprattutto non corrono particolari rischi, la porta di Pomini non viene mai messa in pericolo tranne che in un'occasione nel primo tempo. Poi nella ripresa scende in campo un Frosinone decisamente più in palla, che dopo una decina di minuti sfrutta una brutta uscita col pallone del Palermo e sblocca il risultato con Maiello. La reazione dei rosa resta ordinata ma con meno sprazzi, finchè non arriva il primo episodio incriminato: serpentina di Coronado, fallo di Ciofani, il signor La Penna di Roma fischia rigore. Poi punizione. Poi ancora rigore. Poi ancora punizione. Quest'ultima è la decisione definitiva.

 

Scoppia il putiferio. Da quel momento in poi Frosinone-Palermo smette di essere una partita di calcio. I rosa attaccano senza costrutto e con scarsissima lucidità, i gialloblu di Longo si difendono con affanno ma in maniera costruttiva. Finchè qualcuno, dalla panchina frusinate, non decide che un pallone sia troppo poco per portare avanti la partita. Ci pensano Matarese e Citro a lanciarli in campo. Due, poi tre, il tutto mentre Nestorovski e compagni cercano di dare l'assalto alla porta di Bardi. Come se non bastasse, in campo arrivano anche diversi palloni direttamente dagli spalti dello "Stirpe": come ci sono arrivati non lo sappiamo e non vogliamo saperlo. Poi il 2-0 in contropiede di Ciano, l'invasione di campo che avviene con abbondante anticipo rispetto al triplice fischio, che a quanto pare è stato emesso da La Penna nonostante non l'abbia sentito nessuno. Per il Frosinone è il tripudio, per il Palermo è una grossa delusione condita dalla rabbia e dal sentore che qualcosa non sia andato in maniera corretta nello svolgimento dell'incontro.

 

E come se non bastasse, determinate uscite pubbliche da parte di Longo e di Stirpe, che alle accuse di mancata sportività rispondevano attaccando il Palermo sul piano dei bilanci e della gestione societaria, non facevano che alimentare la rabbia dei tesserati e dei tifosi. Chi vi scrive questo articolo non nega di aver fatto fare al proprio smartphone un volo di qualche metro, testandone l'integrità della scocca e tirando un sospiro di sollievo vedendo che ancora funzionava.

All'indomani, all'arrivo della squadra al "Barbera", si avvertiva la delusione e la rabbia per aver visto sfumare - più o meno meritatamente - l'obiettivo, ma anche l'orgoglio di aver dato tutto e di aver visto l'avversario ricorrere a qualsiasi mezzo (ma davvero qualsiasi) per prevalere nel doppio confronto. E in un certo senso, aver visto il Frosinone colare a picco nel campionato di serie A ha restituito un po' di dolcezza al palato, soprattutto nei tifosi. Ma tutto questo consola fino a un certo punto.

 

365 giorni sono passati, eppure l'unica cosa certa è che fa ancora male anche solo a pensarci. Di acqua sotto i ponti ne è passata, di cose ne sono successe a tonnellate sia sulla sponda palermitana che su quella ciociara. Tra un anno si giocherà di nuovo, una volta al "Barbera" e una allo "Stirpe". Con la speranza e l'obiettivo - che presumo sia condiviso da ambo le parti - che si voglia far parlare il campo e il pallone. Uno solo, però...






21 commenti

  1. AhHahahahaha !!!!!! 119 giorni fa

    Poverello stu rubini. Fa pena Audience, la maschera del cinema Orfeo, chiama audience i commenti di 20 persone disgustate della sua presenza qui, e che chiedono al moderatore di buttarlo fuori da questo sito.

  2. Rubini 120 giorni fa

    '30 cristiani'? Ma come parla questo, ma soprattutto da dove viene? Mah! Per non dire di Libera&Bella, incapace di mettere tre parole in fila. Comunque è sempre audience ed è qualcosa di incredibile. Guardate bene e fate le giuste considerazioni. Dopo il mio ultimo intervento, già ben altri 4 (QUATTRO!) commenti, di utenti diversi. Chiamateli come vi pare, cristiani, troll, multinick, ma questa è AUDIENCE, grande AUDIENCE! Per merito esclusivo del sottoscritto, Rubini! E più rosicano, più cresce l'AUDIENCE!!! Vai, Rubini!!! Vai, Palermo!!!

  3. Assostampalibera&bella 120 giorni fa

    incredibile che un sito serio e ben condotto come ForzaPalermo, annoveri tra i suoi lettori e molestatori, uno come questo Rubini che ne vanifica la serietà con i suoi NON commenti atti solo a creare disordine e insultare gli altri utenti. Evidentemente questo Rubini conosce dei segreti che legano le mani all'editore.

  4. Aggregazione galattica lame rotanti 120 giorni fa

    Evviva Totuccione!

  5. Ahahahahahah !!!!! 120 giorni fa

    Audience? Allora diciamolo in maniera ancora più cruda: solo e sempre gli stessi 30 commentatori, 20 dei quali prendono in giro incessantemente l'ex maschera del cinema Orfeo. E chiedono di buttarlo fuori. Altro che audience, 30 cristiani ! Indipendentemente dalla qualità elevata del sito, letto da molte persone (che non commentano). Aggiungiamo che numerosissimi utenti non commentano più per non avere a che fare con l'ex maschera. Più che audience diciamo assicuta cristiani (per nausea)

  6. Totuccione 120 giorni fa

    riscussi i ru liri...

  7. Rubini 120 giorni fa

    Detto bene, 'Utenti'! Utenti=Audience, come volevasi dimostrare!! Il 'gradimento' poi non c'entra nulla, proprio nulla. Lo dimostrava (lo dimostra, il ricordo è ancora vivo) una trasmissione come 'Il processo del lunedì', di Biscardi, spesso criticato e sempre preso in giro. Nei fatti un genio, popolarissimo. Metteva in scena un autentico bar dello sport, quando quelli veri stavano già chiudendo. Un 'Muro' ante litteram, dove talvolta si trovavano a scrivere Carmelo Bene, Zeffirelli, il primo Sgarbi o Squitieri ( un gigante di avanspettacolo in coppia con Maurizio Mosca).

  8. Ahahahahah !!!!!! 120 giorni fa

    Audience... !!!!!!! Uno che voleva intrufolarsi nel mondo artistico, e il massimo che ha ottenuto,la maschera al cinema Orfeo. Audience? Gli utenti di un sito sportivo locale che lo prendono in giro, lo prendono per pazzo, e chiedono alla redazione di buttarlo fuori.

  9. Rosanero 120 giorni fa

    Claudio Peragni, veramente lui stesso recentemente ha scritto che prende la pensione di che cittadinanza, e che gli basta solamente per ed sfamarsi.

  10. Rubini 120 giorni fa

    Approva? Certo che approva, ci mancherebbe. Ogni mio commento ne vale almeno dieci, 'Rubini' è come un richiamo e, come si vede, accorrono (quali colombe dal disio chiamate) i Francesco, i Glauco, i Lorenzo, i nuovi utenti. Si chiama 'audience', è il PUBBLICO. Certo che approva, l'è miga matt.

  11. Lorenzo il magnifiho 120 giorni fa

    @ Francesco, io invece ho chiesto al moderatore perché approva i commenti OT del troll rubini, dove offende incessantemente tutti gli altri utenti e la città di Palermo. Ma non ha pubblicato il mio commento. Al contrario, pubblica le offese del suddetto troll.

  12. Francesco 120 giorni fa

    Mi chiedo che lo tenete a fare sto spazio se non pubblicate i post per un giorno. Meritereste di essere lasciati soli con il pazzo di roma.

  13. noitifosidelpalermo.jimdo 121 giorni fa

    frosinone merd.....

  14. Glauco Peragni 121 giorni fa

    @AntiZampariniForEver non è solo, ha una serie di efebi che si prendono cura di lui, chi gli massaggia i piedi, chi la schiena, e lui in tunica bianca tra un grappolo di uva e un bicchiere di Tavernello si fa lisciare anche i capelli. Ovviamente spende tutti i soldi della pensione in questi ''innocui passatempo....'' e poi dice che non ha risorse per andare al Barbera o abbonarsi a Sky.

  15. Rubini 121 giorni fa

    Giornata da dimenticare, anche per la tifoseria rosanero. Solo 500 tifosi al seguito della squadra, per una partita vitale e quindi più importante della finale di Coppa Italia e dei '45 mila dell'Olimpico'. Giornata da dimenticare, anche per questo sito. Con ciurimambo e congiunti ad esultare in maiuscolo nei commenti della 'DIRETTA LIVE', ad ogni gol del Frosinone. E si vantavano, di non guardare la partita. Nei giorni a seguire, definiranno però meritata in pieno la vittoria del Frosinone. Partita VITALE, ripeto, inizio di una sofferta sopravvivenza, con prognosi tuttora riservata.

  16. GINO 121 giorni fa

    Abito vicino Roma e ho assistito alla partita col FRosinone, una VERGOGNA !!! Il WSig. LaPenna , uomo di fiducia del Presidente frusinate ha arbitrato una partita farsa che il Palermo aveva meritato di vincere ad occhi chiusi . Ma ormai è acqua passata , si sà , il malaffare vegeta e ristagna ovunque. La mia simpatia per il Palermo Rosanero.

  17. AntiZampariniForEver 121 giorni fa

    Andate al mare non come Rubini costretto in esilo a Roma col caldo asfissiante e senza alcuna alternativa :))))

  18. Yes 121 giorni fa

    Intanto vediamo come finisce sta storia s******a e ci aspettiamo solerzia da nostro procuratore federale,... Poi è chiaro che a Palermo dovranno piovere super Santos come se non ci fosse un domani.

  19. Castrenze Zolster 121 giorni fa

    A parte la conduzione arbitrale e ambientale da censurare. Sono certo che se il palermo fosse andato in A avrebbe fatto anche peggio del frosinone, retrocedendo subito dopo con umiliazioni e pernacchie in tutta italia. Noi nuovamente in B e Zamparini che si intascava 40 milioni come da suo preciso calcolo. Non abbiamo perso nulla anzi si è data un'altra spinta alla sua uscita dal Palermo, anche se non totale come si evince dalla De Angeli che ancora è li.

  20. Paolo 121 giorni fa

    Ho letto una notizia di qualche giorno fa sul frosinone coinvolto nel calcioscommesse scoppiato in Spagna

  21. Peppe Lombino 121 giorni fa

    È stata l'ultima vergogna della stagione, mai riparata e mai sanata dalla FIGC.

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *