AI NOSTRI MICROFONI

«Palermo, un'idea c'è»
Ecco Alessi

«Palermo, un'idea c'è» Ecco Alessi



Nella giornata di ieri la Covisoc ha comunicato al Palermo la bocciatura del club rosanero per non aver aver rispettato i parametri finanziari previsti per l'iscrizione al prossimo campionato. Per parlare del futuro rosanero abbiamo contattato l'imprenditore Rino Alessi.

 

«La presenza di imprenditori seri e per bene penso sia l’elemento necessario per recuperare un rapporto di credibilità con le istituzioni ma soprattutto con i tifosi troppe volte illusi.

Che un imprenditore di altissimo livello morale e di grande capacità imprenditoriale come il dottor Dragotto possa cimentarsi - insieme con altre cordate mi auguro siciliane - non può che essere salutato con moltissima soddisfazione dall’impresa siciliana».

 

Continua...

«L’ideale sarebbero delle figure di tycoon locali capaci di unire le qualità imprenditoriali con la passione. In tal senso Dragotto lo ricordo come investitore storico e per questo lo saluto con piacere come possibilità positiva per noi tifosi: negli ultimi anni ha investito soldi in stagioni non facili per il Palermo Calcio.

Da tifoso a lui va il mio personale saluto perché può essere una valida figura. Con altrettanto rispetto guardo l’ipotesi di Sagramola che è anche un mio amico».

 

L'idea.

«Credo che la città debba riappropriarsi della sua squadra. L’idea dell’azionariato popolare è una misura che a me piace tantissimo e lo reputo il migliore modo di controllo.

Il concetto è far sì che un azionariato pubblico diventi una sorta di garante anche morale e di tutela di un bene (il Palermo ndr) che è della città.

Quindi sarebbe bello potersi appropriare del doppio status di tifoso e socio della società che diventerà anche una maniera per ottenere benefit come accade a Madrid o Barcellona».

 

Quindi?

«Non è Alessi ma un gruppo di tifosi appassionati che hanno aleggiato attorno al Palermo.

Quella famosa cordata che più volte è stata citata è un’idea che può concretizzarsi su tutte le ipotesi che si manifesteranno. Ovviamente con determinati principi».

 

In conclusione, bisogna ripartire da un progetto inclusivo.

«Uno non sposa il progetto di una sola persona ma il modello più serio e inclusivo: secondo me la parola più bella è questa.

Bisogna focalizzare l’idea e non le persone, altrimenti diventa un’autocelebrazione: spero fortemente che sia un procedimento veramente

inclusivo».





19 commenti

  1. Torakiki 05/07/2019

    Cioè ad ora di uscire i soldi veri di stipendi e fideiussione, ha accampato mille scuse, prima problema tecnologico,dopo qualche giorno poi scopre che é stato truffato e siccome é veggente nel dubbio si è autotutelato non pagando gli stipendi...ora ha addirittura le prove su un complotto per non fare iscrivere il Palermo. Bastava cacciare i soldi per iscriversi..

  2. Palermitano 05/07/2019

    Gli Alessi sono tifosi che andavano ogni partita allo stadio a differenza di qualcuno di voi

  3. Torakiki 05/07/2019

    Marcello la risposta l'ha data Dragotto tempo fa, nessun imprenditore serio avrebbe comprato il Palermo in b con tutti quei debiti e pendenze giudiziarie.pure York é scappata per via di Alyssa. Di fatto quello dell'ultimo regalo chi ha portato? gente impresentabile, prima facile e belli coi pupazzi inglesi e poi la ricchissima Arkus. a proposito per quei pochi che credono ancora agli asini che volano andatevi a vedere l'analisi della covisoc sull'iscrizione, mister ho messo 12 mln non ha messo proprio niente, ha usato compensazioni di crediti che non sono ammesse ai fini dell'iscrizione.

  4. Lito 05/07/2019

    Gli ultras Palermitani ringraziano il presidente della Samp Ferrero, per averli fatti andare in trasferta senza tessera dopo tanti anni! https://www.facebook.com/watch/?v=881772931859741

  5. Marcello 05/07/2019

    Scusate ma dog'erano tutti sti signori (trance il Sig. Mirri) quando il Palermo navigable in brunette acque?? Xke nn sono intervention prima?? Certo adesso e' facile visto ke con il fallimento si azzerano tutti I debiti, adesso tutti I sciacalli a pretendere di prendere il Palermo, basta spero ke il Sig. Sindaco Sophia scegliere bene. Forza Palermo sempre

  6. Brent 05/07/2019

    Non fate la figura degli ignoranti, per vincere la D bastano un paio di milioni, e per la C una decina. Se a catania sono truffaldi e non spendono perchè prima devono pagarsi i debiti, questo non significa che lo stesso avverrebbe a palermo. Va bene con le forze locali, poi la società potrebbe passare di mano.

  7. Piero 05/07/2019

    Mai il palermo a FERRERO squadra satellite, oltre che per regolamento non potrebbe andare oltre la B. Ha rubato la samp a Garrone ed è uguale a Zamparini, solo che è più furbo. Anche lui accusato degli stessi gravi reati andrà a processo. Mirri tutta la vita poi dalla B in poi vedrete che per un palermo pulito e senza debiti ci sarà la fila per prenderlo. Basta avventurieri. NO A FERRERO.

  8. Tube di falloppio 05/07/2019

    Scusate ma Alessi è il nuovo sponsor di forza palermo? Logo in prima pagina dell'azienda. Se non è così per par condicio dovreste mettere anche la Damir di Mirri e la Sicily car di Dragotto. Comunque tutti sti novelli innamorati del Palermo dell'ultima ora non mi convincono. Per la D va benissimo Mirri poi strada facendo si vedrà.

  9. Zio Tibia 05/07/2019

    Eh si molti di voi preferiscono una presidenza locale per fare la fine del catania.....non riescono nemmeno a tornare in B!!! Servono i soldi per fare calcio, cosa dobbiamo fare con Mirri? Orlando dai il Palermo a Ferrero!!!!

  10. paco 05/07/2019

    Ma che scherziamo? La squadra va data ad un soggetto forte, non ad un conglomerato di piccole imprese. Va fatta una squadra che ammazzi la D e la C, serve gente con tantissimi soldi. Non scherziamo.

  11. Mic 05/07/2019

    Mirri e' favorito perché deve recuperare 2,8 milioni versati sfregando le mani .... purtroppo l'affare gli e' andato male e questo suo intervento alla resa dei conti ha pure danneggiato.....cmq e' sbalorditivo vedere tutti questi avvoltoi e tutti questi personaggi palermitani che si propongono per un incarico.....siamo andati in D con un presidente e un vice palermitani e con un sindaco che vigilava......ma bravi

  12. Rubini 05/07/2019

    Non va bene neanche Alessi? Non vi preoccupate, è solo un bla bla bla. Ha ragione beddamatri, i palermitani tutta vucca, ma se ogni parola costasse anche solo un centesimo sarebbero tutti muti. E guarda quanti ancora s’addiviertono cu ‘grazie daniela’ cu ‘l’arrestato’ cu ‘gli inglesi’ cu l’arabi e cu baccaglini’. Basta! ragazzi, gambe in spalla, giù dalle brande! c’è da ricostruire tutto, un nuovo grande Palermo!! Vabbè oggi è già venerdì, ne riparliamo lunedì mattina. Sul presto, verso le 11.

  13. Torakiki 05/07/2019

    Ferrero la Samp l'ha presa senza soldi ed é pure indagato , sui suoi fondi ho qualche dubbio.. In serie D dubito che possiamo attrarre sceicchi , comunque vediamo chi si presenta alla gara.. Mirri e Ferrero dovrebbero essere sicuri

  14. Chiddici 05/07/2019

    Adesso tutti escono idee del C..... , non abbiamo bisogno di Dragone e di Alessi che si vanno a curare le loro Aziende del c... , il Sindaco deve dare la squadra ad un soggetto tra Mirri e Ferrero che possono riportare serieamente la squadra subito dove gli compete con un progetto serio, lasciate fuori questo soggetti che sfruttano il momento per farsi pubblicità, e possibilmente speculare sulle nostre disgrazie , statevene da parte di voi non abbiamo bisogno alla larga dal Palermo

  15. Luca 05/07/2019

    @Torakiki, Dragotto diceva la verità su Arkus, ma vai a rivedere la sua conferenza stampa quando sponsorizzo il Palermo per un breve periodo: difese a spada tratta Zamparini, dicendo che dovevamo essere grati per quello che aveva fatto e che stava cercando in tutti i modi di vendere la società a persone serie. rispetto il tuo pensiero, ma io non dimentico: er me Dragotto è come tutti quelli invischiati in questa brutta storia espero che non ci sia il suo nome nella nuova società

  16. terenzio 05/07/2019

    Mirri ha messo soldi veri, correndo grossi rischi... a fondo perduto. Merita solo lui. Dragotto ha beneficiato di pubblicità spendendo pochi euro, e a intuito non mi piace. E nemmeno come si esprime... presuntuoso ammatula... si tenga l'Eccellenza e lasci lavorare Mirri e Sagramola.

  17. Matteo RosaNero 05/07/2019

    Si e cosi poi ricominciamo di nuovo da capo..??? Poi si ripresentano i volponi che vogliono comprare?? No caro Sindaco dalla ad uno che lo Prende il PALERMO e lo deve tenere per sempre e farne una società modello stile FIORENTINA SAMPDORIA SASSUOLO...per altro abbiamo gia dato..

  18. Brent 05/07/2019

    Da dove salta fuori questo Alessi? Mi pare che nei momenti di bisogno l'unico che se fatto avanti è stato Mirri, il resto era assente. No grazie, se vuole può prendere delle quote ma non certo guidare la presidenza, lo stesso vale per Dragotto. Se vogliono un grande palermo allora ognuno faccia la sua parte, ma di azionarato popolare non ne voglio sentire parlare, non abbiamo la cultura per farlo.

  19. Torakiki 05/07/2019

    Ben vengano Alessi Dragotto (che veniva insultato dai talebani perché diceva la verità) e Mirri, no ad albanese e macaione. Traghettarla sino in B coi conti puliti e poi trovare nuovi investitori magari tenendo una quota

Lascia un commento

I commenti vengono moderati, letti e seguiti post pubblicazione e non a monte. Il materiale o contenuto proposto deve essere conforme con la discussione e la civile relazione tra utenti. La mail non sarà pubblicata. *